Ultimo aggiornamento  26 agosto 2019 09:21

Formula 1, giù il pedale.

Gian Carlo Minardi ·

Dopo un inverno molto lungo per tutti gli appassionati siamo alle porte di una nuova stagione di Formula 1. Dopo diversi anni il circus sarà orfano del suo campione in carica, visto il ritiro inaspettato di Nico Rosberg, ma anche di quel Bernie Ecclestone che per 40 anni ha tirato le fila (da abile burattinaio) di questo mondo. Il gioco è passato nelle mani di un nuovo promoter, Liberty Media. Ora sarà interessante capire quali saranno le nuove linee guida.

Finalmente in pista

Ci apprestiamo ad arrivare in Australia per il primo gran premio dopo solamente otto giornate di test sulla pista di Barcellona che hanno certamente premiato Mercedes e Ferrari sul fronte dell’affidabilità e bocciato qualcun altro (vedi Honda). Al di la dei riscontri cronometrici visti fino ad oggi, solamente alla fine delle qualifiche potremo avere il termometro di questa stagione poiché in Spagna molti non hanno giocato a carte scoperte. Tra tante incertezze c’è un dato certo: le power-unit 2017 consumano molto di più e questo sta creando qualche grattacapo agli ingegneri. Il limite di 105 kg di carburante imposto dalla FIA non sarebbe sufficiente a concludere la corsa.

Tutti dietro le frecce

Questo maggiore consumo deriva anche dalle nuove gomme Pirelli (molto più larghe rispetto al 2016) che permettono un maggiore grip e una maggiore velocità in curva. Gomme che a quanto si apprende degradano molto poco. Pertanto potremo vedere solamente un post-stop a gara. Per questo appuntamento i team avranno a disposizioni le mescole Soft, SuperSoft e Ultra Soft. La curiosità è tanta. Da tifoso mi piacerebbe vedere una Ferrari molto vicina alla Mercedes (che per me resta la vettura da battere) e una bella bagarre tra questi due costruttori. Non sottovaluterei però anche la Red Bull. Auguri a tutti un buon gran premio e ci sentiamo domenica dopo la corsa.

Tag

Ecclestone  · Formula 1  · Liberty Media  · Nico Rosberg  · 
Il punto
il blog di Gian Carlo Minardi
Fondatore del team omonimo di F1

Ti potrebbe interessare

· di Gian Carlo Minardi

In Russia vince la Mercedes di Bottas. Vettel prova ad attaccare ma si ferma al secondo posto. Podio anche per Raikkonen. Stagione spettacolare

· di Gian Carlo Minardi

Vettel vince il gran premio del Bahrain e dimostra l'affidabilità della Rossa. Le Mercedes inseguono e la stagione si annuncia combattuta fino all'ultimo

· di Gian Carlo Minardi

La rossa di Maranello a caccia di conferme, dopo il trionfo australiano, nel secondo appuntamento iridato in Cina. Torna in pista Giovinazzi con la Sauber

· di Marco Perugini

Presentata la monoposto con cui Maranello vuole tornare alla vittoria nel Mondiale di Formula 1. Già oggi i primi giri a Fiorano, alla presenza di Marchionne

· di Redazione

Con un colpo di scena clamoroso il pilota tedesco, appena laureatosi campione del mondo, annuncia il proprio ritiro. La decisione presa il giorno seguente la vittoria