Ultimo aggiornamento  21 luglio 2019 10:30

Regno Unito, colonnina a domicilio.

Colin Frisell ·

Il governo britannico, attraverso l'ufficio dedicato ai veicoli a bassa emissione, ha stanziato due milioni e mezzo di sterline - circa 3 milioni di euro - per i prossimi due anni, con lo scopo di incentivare la costruzione di colonnine per la ricarica delle auto a batteria. La caratteristica dell'iniziativa, la prima del genere nel Regno Unito, è che saranno gli stessi cittadini a poter richiedere che il punto di ricarica venga messo nella zona dove abitano.

Ricarica in strada

Il programma, finanziato con un milione di sterline già per il 2017, si chiama "On-street Residential Chargepoint Scheme" e vuole favorire tutti quelli che non dispongono di un garage o di un vialetto privato nel quale poter ricaricare il proprio veicolo elettrico. Chi aderirà all'iniziativa potrà segnalare la richiesta al proprio "council", cioè al comune o alla circoscrizione, e potrà veder realizzare una colonnina proprio davanti al suo portone. Naturalmente, specificano all'ufficio governativo, la colonnina sarà a disposizione di chiunque e non solo di chi abbia fatta la richiesta.  

Energia per tutti

Le colonnine che verranno installate grazie a questo schema sono in grado di ricaricare due auto contemporaneamente e ogni impianto costerà circa 9.000 euro. Si presume che le richieste arriveranno soprattutto dalle zone più popolose e densamente abitate, soprattutto delle grandi città. Nel Regno Unito oggi si calcola esistano già 11.000 punti di ricarica aperti al pubblico, ma la crescita dei costi dei carburanti e le crescenti preoccupazioni per l'ambiente potrebbe far impennare la richiesta di auto a batteria nel prossimo futuro.

Fenomeno in crescita

Poppy Welch, responsabile della campagna "Go Ultra Low", che vuole indirizzare gli inglesi verso l'uso di veicoli meno inquinanti, non ha dubbi: "La domanda di auto elettriche cresce nel nostro Paese: nel 2016 il numero di quanti hanno acquistato un'auto a batteria è cresciuto del 29%. Per questo è vitale che le strutture di ricarica su strada aumentino di numero. Oggi il 90% delle ricariche avviene in zone private, quasi tutte nei garage delle case, ma la diffusione delle auto elettriche impone che le cose cambino in fretta". 

Tag

Auto Elettrica  · Go ultra low  · Regno Unito  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Il governo britannico ha lanciato il progetto Faraday Challenge: 275 milioni di euro in 4 anni per l'innovazione nel campo delle batterie

· di Redazione

Il dispositivo, messo a punto dall'Automobile Association, consente di collegarsi alla centralina del veicolo e di prevenire eventuali guasti

· di Patrizia Licata

L'Europa: dal 2019 i nuovi edifici dovranno installare punti di ricarica per le auto. L'Italia prepara il suo piano mentre la Norvegia si affida agli sgravi fiscali