Ultimo aggiornamento  25 maggio 2019 15:14

Strade a rischio collasso.

Redazione ·

Buche, infiltrazioni, dislivelli, spaccature. Le nostre strade sono talmente malandate che non c'è da stupirsi: i lavori di ordinaria manutenzione sono del tutto insufficienti, in questi anni non si è fatto neanche la metà di quanto necessario. La denuncia arriva da Siteb, l'associazione delle aziende che si occupano di costruzione e manutenzione. Stando a una sua analisi, oggi, per tenere in buono stato la nostra rete (lunga complessivamente 500 mila chilometri per un valore complessivo di circa 5 miliardi di euro) si investe quanto si spendeva trent'anni fa. Ma, a quei tempi, c'erano meno strade e meno traffico in circolazione.

Pericolo incidente

"La situazione resta difficile", dice Michele Turrini, presidente Siteb, "il patrimonio stradale è oggi molto degradato e notevoli sono i disagi per gli utenti della strada". A proposito di disagi per gli utenti, vanno considerati anche i rischi per l'incolumità dei comuni cittadini, ciclisti, centauri, automobilisti e pedoni. Stando ai dati Aci-Istat, solo le buche provocano in media ogni anno più di 2.000 feriti e oltre 60 morti.

Servono 40 miliardi

Sarà complicato e oneroso recuperare un gap lungo trent'anni, durante i quali, rimarcano le aziende del settore, "le buche sono sempre state un tema trattato solo nelle campagne elettorali o oggetto di lavori momentanei, tipo le "toppe", che non hanno certo risolto il problema". Ora per ridare un livello sufficientemente adeguato alle nostre strade, sottolinea il presidente Turrini, "ci vorrebbero almeno 40 miliardi di euro. Il nostro paese non ha bisogno di grandi opere, ma di rimettere in sesto e sicurezza la rete esistente, prima di arrivare al collasso". 

Tag

Buche  · Manutenzione  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Siglata l'intesa tra Stato ed enti locali per la ripartizione delle risorse stanziate dalla Manovra 2018 per la manutenzione e la sicurezza in ambito urbano

· di Marina Fanara

Una applicazione sullo smartphone permette di controllare le condizioni delle strade: si chiama SmartRoadSense ed è parte di un progetto europeo

· di Marina Fanara

Via al piano di investimenti di quasi 30 miliardi su circa il 60% della rete. In programma il completamento di 21 grandi opere e la messa in sicurezza di 13 strade a rischio

· di Marina Fanara

La giunta Raggi schiera squadre di professionisti per cominciare da subito a sistemare le strade e controllare i cantieri. In attesa di un grande piano strutturale

· di Redazione

Sono tante, troppe e profonde. Costano ogni anno migliaia di incidenti con morti, feriti e danni incalcolabili: un incubo per chiunque sia sulla strada