Ultimo aggiornamento  19 settembre 2019 13:03

Taxi: per ora è pace.

Redazione ·

Dopo cinque ore di trattative al ministero dei Trasporti, un'intesa tra governo e taxisti è stata firmata. Se si tratti di una semplice tregua o di un vero accordo saranno i fatti dei prossimi giorni a dirlo.

I termini dell'accordo

Intanto, le 21 sigle di rappresentanza di categoria hanno promesso al ministro Graziano Delrio, che ha seguito in prima persona l'intera trattativa, la fine immediata della protesta e la ripresa regolare del servizio. In cambio, il governo si è impegnato a confezionare, entro un mese, un decreto interministeriale con una serie di misure contro l'esercizio abusivo della professione e del noleggio con conducente e una legge delega per il riordino della materia (legge 21/92).

Nuove regole per tutti

Entrambi i provvedimenti, "dovranno includere tutti i temi già concordati con le categorie", si legge nel comunicato del ministero Infrastrutture e Trasporti, "tra cui miglioramento del sistema di programmazione e organizzazione su base territoriale, regolazione e salvaguardia del servizio pubblico, necessità di migliorare i servizi ai cittadini, evoluzione tecnologica del settore, lotta all'abusivismo, migliore incontro tra domanda e offerta".

Tag

Governo  · Taxi  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Bevagna

L'azienda californiana ha perso fino ad oggi qualcosa come 5 miliardi di dollari. Fatturato e ricavi però sono in aumento e la quotazione vola