Ultimo aggiornamento  21 agosto 2019 06:34

Honda HR-V, crossover compatto da primato.

Enrico Artifoni ·

Paese che vai, best seller che trovi. E' pur vero che i Suv (o crossover, se preferite: le due definizioni identificano ormai la stessa tipologia di vetture a ruote e guida alta) stanno prendendo piede un po’ ovunque. Ma i modelli più gettonati negli Usa non sono quelli che vanno per la maggiore in Europa, o in Cina e Giappone, giusto per citare alcuni fra i principali mercati. Tanto più se si tratta di Suv/crossover di segmento B, cioè lunghi quanto una classica due volumi compatta, quattro metri o poco di più. Per questo la classifica dei modelli più venduti al mondo nel 2016 ci regala un podio a sorpresa: primeggia l’Honda HR-V, con largo margine su Jeep Renegade e Dacia Duster.

Due nomi per un crossover vincente

Al lancio, quasi vent’anni fa, a suo modo la prima HR-V ha precorso in tempi: era una piccola dalle linee squadrate, alta da terra e con la trazione integrale. Fuori dal coro, come diversi modelli Honda, in Europa non fece sfracelli, ma non fu neppure un flop, anzi conquistò il favore di un plotoncino di cultori del genere. Un po’ come la vecchia Panda 4x4 da noi. Una sorta di erede, la Crossroad 2, dal 2007 è stata proposta da Honda solo in Giappone. Fino all’arrivo della Vezel a fine 2013, che sul mercato europeo e quello americano dal 2015 ha ripreso la denominazione HR-V.

Lunga 4,29 metri, filante e aggressiva, la nuova HR-V è semplicemente più alta da terra e al tetto rispetto a una classica due volumi a cinque porte. A trazione esclusivamente anteriore, è offerta con motori a benzina e a gasolio. In Giappone invece la Vezel si può avere anche con le quattro ruote motrici e l’alimentazione ibrida. Camaleontica quanto basta per adattarsi alle esigenze dei singoli mercati, nel 2016 secondo i dati di Jato Dynamics la HR-V-Vezel è stata venduta complessivamente in 724.800 unità (+38% rispetto al 2015). E in Italia con oltre 2.800 immatricolazioni ha contribuito al rilancio di Honda, dopo i rovesci causati dalla crisi dal 2008 in poi.

Jeep al posto d'onore

Jeep, marchio storico ma confinato ormai al Nordamerica, con Fca ha fatto il balzo: oggi i modelli della marca sono fabbricati anche in Brasile, Europa, India e Cina. Ambasciatrice del rilancio è Renegade, la piccola con spiccate doti fuoristradistiche che in Italia viene fabbricata a Melfi insieme con la “sorella” Fiat 500X. Sono 277.700 le unità vendute lo scorso anno (+71% rispetto al 2015), di cui 34mila nel nostro Paese. Al photofinish, Renegade ha battuto il fenomeno low cost, cioè la Dacia Duster, che pure a fine ciclo di vita ha fatto registrare 274.900 immatricolazioni, il 3% in più rispetto all’anno precedente.

In Europa è Renault il leader

La classifica cambia completamente se si restringe il campo alle vendite in Europa. Dove sul gradino più alto del podio si è installata la Renault Captur, con oltre 215mila immatricolazioni, davanti alla Peugeot 2008 con circa 175mila unità e alla Opel Mokka X con 165mila. Medaglia di legno per la Duster, con oltre 130mila immatricolazioni, seguita dalla Fiat 500 X e dalla Nissan Juke, anch’esse oltre quota 100mila.

Tag

Dacia  · Honda  · Jeep  · SUV  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Il suv compatto giapponese dispone adesso del motore turbobenzina da 182 cavalli della Civic. Ottimo assetto senza rinunciare al comfort, prezzi da 29.950 euro

· di Francesco Paternò

La decima generazione della berlina giapponese è stata cambiata da cima a fondo. Super telaio e assetto sportivo: si parte da 129 cavalli fino ad arrivare ai 320 della Type R