Ultimo aggiornamento  25 agosto 2019 06:40

Honda SH 150, cambio di stagione.

Antonio Vitillo ·

Evoluzione, non rivoluzione. È su questa semplice considerazione che Honda continua ad aggiornare il suo scooter SH, uno dei veicoli più riusciti nella storia delle due ruote, oggi rinnovato nelle versioni 125i e 150i.

Viene dal passato

Le sue origini risalgono al 1984, quando debutta in società con una carrozzeria in materiale plastico dai tagli netti e sostanziali, con una spaziosa pedana piatta e le sicure ruote di abbondante diametro. Il primo restyling è del ’93, ancora col motore a ciclo due tempi di 50 cc, ma col freno a disco anteriore. Nel 2001 diventa il primo scooter targato a ruote alte, 125 e 150 cc. Poi, nel 2005, arriva l’iniezione elettronica; due anni dopo Honda arricchisce la gamma con la versione di 300 cc, che diventa il primo scooter a ruote alte di media cilindrata. Seguirono altri aggiornamenti, ciascuno con un unico risultato: il primato nelle vendite.

Produzione italiana

Finora, nella sola Europa, sono stati venduti circa un milione e centomila SH venduti. Che per noi italiani sono motivo di vanto: viene costruito ad Atessa, in provincia di Chieti, ve disegnato a Roma nel Centro Design di Honda Europa.

Nel retro scudo, in uno dei due vani c’è la presa di ricarica a 12V dello smartphone. Le misure fra la sella, il manubrio e la pedana sono quanto di meglio si possa desiderare. I piedi trovano posto ovunque si voglia, e così come una piccola borsa, uno zainetto. Nel sottosella ci sta un casco integrale, altro spazio è nel bauletto, che insieme a paramani e parabrezza sono dotazione di serie. Interessante novità è l’adozione della Smart Key, chiave elettronica che non necessita di inserimento per avviare lo scooter, basta tenerla in tasca e si potrà anche aprire la serratura della nuova sella a due superfici.

Start & Stop

Con lo “Start&Stop”, l'SH da fermo si spegne dopo appena tre secondi di motore al minimo dei giri, ripartendo subito quando si ruota la manopola dell’acceleratore. La versione 150 cc è favorita in accelerazione dai 2,8 cavalli in più rispetto ai 12,2 della 125, quarto di litro che comunque non soffre nell’affrontare un sorpasso o nelle uscite di curva. Il 125i dichiara consumi record, fino a 47 chilometri con un solo litro di carburante.

Anche in questo nuovo modello, lo Honda SH ha una ottima ciclistica. Le ruote alte offrono certezze sullo sconnesso, mentre l’avantreno è solido, con le masse che, essendo ben distribuite fra gli assi, mai restituiscono quella sensazione di alleggerimento tipica di altri scooter. Lo SH è stabile in velocità; la sicurezza dinamica è accentuata dal buon funzionamento dell’impianto Abs, che c’è, funziona e non disturba. Il nuovo Honda SH costa 3.540 euro f.c. nella versione 150i, mentre la 125 i si può acquistare a 3.390 euro f.c.; si può scegliere fra quattro diverse colorazioni.

Tag

Due ruote  · Honda  · Honda Sh  · Smart Key  · 

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

La versione 2017 dello scooter giapponese (e pensato innanzitutto per il mercato francese), è elegante, ha un motore brillante e dai consumi ridotti

· di Antonio Vitillo

Lo stabilimento di Atessa (Chieti) ha raggiunto l'obiettivo a sei cifre con le due versioni 125 e 150 dello scooter più venduto nel nostro Paese. E non solo

· di Antonio Vitillo

Honda sarà il fornitore ufficiale delle moto che accompagneranno la gara del 2 aprile, tra le vie e i monumenti della città eterna

· di Antonio Vitillo

Il costruttore giapponese presenta un modello che è un incrocio fra uno scooter e una moto. Costruito sulla base dell'Integra, dispone di 55 cavalli

· di Antonio Vitillo

Lo scooter giapponese, re del mercato, raggiunge una produzione record nello stabilimento italiano di Atessa in provincia di Chieti. Al via la versione 2017