Ultimo aggiornamento  20 marzo 2019 00:14

Città del Messico, nuvole e smog.

Redazione ·

Lo stop alla circolazione delle auto a Città del Messico, imposto delle autorità sabato scorso, non ha portato miglioramenti alla qualità dell'aria, secondo un nuovo studio della rivista Scientific Reports. Gli esperti avevano previsto che il blocco ai veicoli avrebbe portato ad una diminuzione delle emissioni di smog del 15%, ma non è stato così.

Imparare dal passato

I cittadini messicani hanno ovviato al divieto di circolazione usando i servizi di car pooling, taxi o altri mezzi. Nel 1992 l'Onu ha dichiarato che questa città era il luogo più inquinato nel mondo. Avvolto da una nube di aria malsana, il paese ha visto decine di migliaia di persone ricoverate in ospedale per problemi respiratori. Dal 1989 si vieta, un giorno a settimana, di prendere la propria automobile: la campagna si chiama Hoy No Circula e qualcosa ha fatto, permettendo a Città del Messico di abbandonare l'ultimo posto della graduatoria tra le città più inquinate al mondo.

Riscrivere il futuro

La guida è un vero è proprio status symbol nella capitale messicana. Tuttavia il Messico ha compiuto passi in avanti verso il miglioramento della qualità della vita, con l'introduzione recente del bike sharing e di nuove linee di autobus.

Tag

Città del Messico  · Inquinamento  · Smog  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Le auto di Google, dotate di speciali sensori, monitorano l'inquinamento con una precisione mai vista prima. Sperimentazione in California

· di Patrizia Licata

Lo studio "State of Global Air" misura l'inquinamento da polveri sottili su scala globale: è emergenza in Cina e India, ma anche l'Europa deve migliorare

· di Francesco Paternò

Dall'1 luglio, città vietata ai veicoli con più di 19 anni di età. Il divieto del sindaco Hidalgo scatena accuse (di retroguardia)