Ultimo aggiornamento  19 marzo 2019 00:32

Ducati, 90 anni e nuovi record.

Marco Perugini ·

Il 2016 si conferma un anno speciale per Ducati, che festeggia i suoi 90 anni con il successo commerciale di tutta la gamma. Con 55.451 moto consegnate nel mondo, il marchio di Borgo Panigale registra un aumento dell’1,2% delle vendite, grazie soprattutto ai nuovi modelli, in particolare delle famiglie Multistrada, Hypermotard e Scrambler, oltre alla nuova Ducati XDiavel che da sola rappresenta una fetta del 10% del volume complessivo.

Usa primo mercato

Gli Stati Uniti si confermano il primo mercato: 8.787 moto consegnate in un solo anno misurano il grande appeal delle due ruote italiane oltreoceano. Ma non ci sono solo gli Usa, visto che in Argentina, Ducati registra +219% e in Brasile +36%. In Cina il motore desmodromico fa contare +120% nelle consegne. Anche nel nostro continente Borgo Panigale corre veloce: +8% in Germania, +20% in Italia e addirittura +38% in Spagna, vincendo le resistenze dei fan più agguerriti di Marquez, Lorenzo, Pedrosa e Vinales.

In Italia +84% dal 2015

"Concludere l'anno del nostro 90° anniversario con il settimo successo consecutivo nelle vendite è motivo di orgoglio e di soddisfazione", commenta Claudio Domenicali, amministratore delegato Ducati Motor Holding. I numeri dimostrano la forza della gamma e del brand. Con una crescita dell’84% nell’ultimo biennio, l’Italia è tornata ad essere il secondo mercato di riferimento nel mondo e il primo in Europa.

Tag

Cina  · Ducati  · Italia  · Mercato  · Multistrada  · USA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Le moto "nude", eredi delle streetfighter inglesi, non sono più una nicchia di mercato ma un fenomeno anche commerciale

· di Redazione

Il gruppo Volkswagen potrebbe liberarsi del marchio di moto comprato nel 2012, secondo la Reuters. Sarebbe un altro degli effetti del dieselgate

· di Redazione

Accordo per la stagione 2017 tra la Casa spagnola e il Team di MotoGp italiano. La Seat Leon Cupra sarà la vettura ufficiale dei piloti Lorenzo e Dovizioso