Ultimo aggiornamento  18 ottobre 2019 10:38

Una Renault Zoe autonoma a Boston.

Paolo Borgognone ·

Boston entra nel novero delle città Usa che ospitano sulle proprie strade la sperimentazione delle auto a guida autonoma. La capitale del Massachusetts ha infatti stretto un accordo con una società con base nel sobborgo di Cambridge, la NuTonomy dando il via libera ai test con le vetture guidate dai robot. 

Zona tranquilla 

I test - che si svolgeranno con una Renault Zoe - sono già pronti ad iniziare con il nuovo anno e si svolgeranno, per ora, in una zona circoscritta nel sud della metropoli del nord est, il Raymond Flynn Marine Park sulle rive del Boston Main Channel, in passato base militare e oggi soggetta a una grande riconversione industriale. L'area prescelta - che copre 191 acri, poco meno di un chilometro quadrato - non ha semafori e presenta una struttura viaria estremamente semplice. Le auto guidate dal robot avranno comunque un tecnico a bordo per intervenire in caso di necessità. Inoltre i test si svolgeranno solo con la luce diurna e in condizioni  di tempo buono

Ingegneria italiana 

Il fondatore e Ceo di Nutonomy, Karl Iagnemma si augura che con questi test si acceleri anche il progetto della sua azienda di avere una flotta di auto autonome in circolazione a Singapore, dove la NuTomony ha una sede, già a partire dai primi mesi del 2018. "I test - ha detto Iagnemma - permetteranno ai nostri ingegneri di raccogliere dati basilari per gli sviluppi futuri e per adattare i veicoli autonomi a tutte le  condizioni di traffico e climatiche". La NuTonomy - come ha ricordato l'altro Ceo dell'azienda, Emilio Frazzoli - ha sviluppato proprio a Boston, più precisamente al Massachusetts Institute of Technology, la propria tecnologia. "Per questo - ha detto Frazzoli, italiano di origine e professore di ingegneria aerospaziale al Mit - siamo grati alla città di Boston per l'opportunità che ci sta dando". 

"Go Boston"

I test coi robot della NuTonomy sono starti resi possibili da una decisione dello scorso ottobre presa dal governatore del Massachusetts, Charlie Baker e dal sindaco di Boston, Martin Walsh. Un passo ulteriore verso la realizzazione del piano di rivoluzione dei trasporti cittadini, chiamato "Go Boston 2030". Commentando l'accordo con la NuTonomy, Walsh ha dichiarato: "Boston è pronta alle sfide della guida autonoma e il mio impegno è quello di far sì che lo sviluppo delle auto robot sia d'aiuto alla cittadinanza. Stiamo compiendo un importante passo in avanti e siamo orgogliosi di farlo nel nome di tutti i residenti di Boston". 

Tag

Boston  · Guida Autonoma  · NuTonomy  · USA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Al via i test (14 ottobre/8 novembre) del servizio di car sharing composto da due city car elettriche e driverless utilizzate per l'occasione da 100 persone del campus di...

· di Redazione

Il costruttore sperimenta un servizio di guida autonoma on demand nel campus Paris-Saclay sia con la berlina elettrica che con un autobus senza conducente

· di Redazione

La Casa francese annuncia una joint venture con Oktal, società specializzata nello sviluppo di simulatori di volo per testare le driverless in ambienti virtuali

· di Valerio Antonini

Raddoppiata l’autonomia della berlina elettrica: 300 chilometri a zero emissioni. Ma il mercato non decolla, servono maggiori incentivi e più stazioni per la ricarica

· di Paolo Borgognone

Due parlamentari della stato del Massachusetts hanno proposto una legge: veicoli a guida autonoma tassati e col permesso di girare senza conducente solo per un miglio

· di Paolo Borgognone

Una società assicurativa americana stila la classifica dei migliori e dei peggiori al volante negli States: oscar della guida ai texani, a Boston i peggiori