Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 04:16

Dieselgate miliardario.

Redazione ·

Il gruppo o Volkswagen ha chiuso un nuovo accordo con il Dipartimento di giustizia statunitense con il riconoscimento di colpa per lo scandalo delle emissioni truccate su alcuni motori diesel, pagando una pena pecuniaria di 4,3 miliardi di dollari. Nel giugno scorso, un altro accordo le era costato 14,7 miliardi sempre negli Stati Uniti. 

Settembre 2015

La storia ha inizio nel settembre del 2015, quando l’ente federale statunitense per l’ambiente (Epa) costringe i tedeschi ad ammettere l’esistenza - su alcuni motori diesel - di un software che altera i risultati dei test sulle emissioni a favore del costruttore. Sabato scorso, un dirigente del gruppo - all'epoca responsabile dei certificati di conformità e riferimento dell'Epa, Oliver Schmidt - è stato arrestato in Florida con l'accusa di avere violato le leggi federali. I patteggiamenti pecuniari non includono le eventuali responsabilità personali dei manager. Il Dipartimento di giustizia, contemporaneamente alla notizia dell'intesa miliardaria, ha reso noto di avere indagato (oltre a Schmidt) altri cinque dirigenti del gruppo tedesco. Nessuno di loro siede nel board del gruppo, tutti sono al di fuori degli Usa e la Germania non prevede estradizione per casi del genere. 

Una cifra enorme

Con il patteggiamento dei 4,3 miliardi, Volkswagen avrà speso oltre 20 miliardi di dollari per chiudere la vicenda giudiziaria negli Stati Uniti e in Canada. Una cifra enorme, superiore agli accantonamenti di bilancio. Gli analisti tuttavia ritengono che Wolfsburg abbia solidità finanziaria sufficiente per assorbire il colpo e accelerare sul nuovo piano strategico, centrato sull’elettrificazione del prodotto e su nuovi sistemi di mobilità, guida autonoma compresa.

Tag

Dieselgate  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il costruttore tedesco pagherà fino a 127 milioni di dollari come risarcimento ai consumatori del paese dell'Oceania per il dieselgate. L'accordo annunciato nella Corte Federale di...

· di Luca Bevagna

Bmw, Daimler e il gruppo Volkswagen accusate di aver utilizzato scimmie e cavie umane per test sulle emissioni dei gas di scarico dei motori diesel

· di Colin Frisell

Il sindaco della capitale inglese chiede ai tre gruppi tedeschi dell'auto una forma di compensazione economica. Come hanno già fatto in Germania

· di Flavio Pompetti

Il costruttore Usa e la società tedesca citate in giudizio davanti a un tribunale di Detroit. L'accusa è di aver collaborato nel falsificare i test sulle emissioni di alcuni pick...

· di Lina Russo

Secondo Reuters, il numero uno del gruppo francese sarebbe nel mirino dei magistrati che indagano sulle emissioni delle auto in Francia

· di Redazione

L’Epa, l’ente federale statunitense per l’ambiente, contro Fiat Chrysler: avrebbe falsato negli Usa alcuni test sulle emissioni con un software

· di Enrico Artifoni

Nel 2016 sono aumentate a 10,3 milioni di veicoli, +3,8% sul 2015 anno dello scandalo Dieselgate. Primato Toyota nel mirino del gruppo tedesco