Ultimo aggiornamento  27 novembre 2020 07:43

Ces 2017, la saga dei chip.

Gloria Smith ·

Che cosa c'entrano i chip con le automobili? Tutto, nell'era della connected car e della guida autonoma che trasformano le macchine in veri computer connessi in mobilità. Non a caso i chipmaker californiani Intel e Qualcomm hanno molte iniziative da portare al Ces di Las Vegas.

Qualcomm fa parlare le auto

Qualcomm al Ces presenta gli obiettivi del consorzio ConVeX, di cui fanno parte anche Audi, Ericsson, Swarco Traffic Systems e l'Università di Kaiserslautern e che lavora sulla realizzazione di una rete di comunicazione cellulare che sarà testata in Germania. Questa rete connette tra loro i veicoli, i veicoli all'infrastruttura stradale e i veicoli ai pedoni, per uno scambio costante e efficace di informazioni per auto che sono come degli smartphone su quattro ruote. Qualcomm illustra anche il suo modem Lte Snapdragon X16 con capacità di download fino a 1 Gbps pronto da installare nelle auto di nuova generazione per una connettività Internet di qualità e ultra-veloce. Per il chipmaker americano c'è anche un'alleanza con Volkswagen: Qualcomm integrerà 820 chip e modem nei veicoli della casa tedesca permettendo la trasmissione dati per i sistemi di informazione e intrattenimento in-car.

Intel punta sulle mappe

Intel a Las Vegas annuncia invece l'acquisizione del 15% delle quote di Here, la società di servizi di mapping e location che Nokia ha venduto l'anno scorso per 2,5 miliardi di euro a un consorzio formato da Audi, Bmw e Daimler. Con le tecnologie di Here, Intel vuole sviluppare sistemi di posizionamento per auto autonome che usano i suoi chip. Le auto connesse, che implicano alti livelli di elaborazione dati e intelligenza artificiale, sono la terra promessa per un chipmaker; Here ha detto che Intel può fornire "la mente pensante" per la sua piattaforma di localizzazione che sarà sempre più universale, aggiornata, capace di connettere il veicolo e Internet senza soluzione di continuità. Una settimana fa Gic (società di investimenti di Singapore) e le cinesi Tencent e NavInfo hanno comprato insieme una quota del 10% di Here. Quest'ultima collabora, ovviamente, anche con Microsoft che ha acquisito parte delle attività di Nokia.

Il maggiordomo

Lasciando da parte il settore dei chipmaker, per gli automobilisti che vogliono ritrovare in auto la loro Google experience, Hyundai ha annunciato al Ces un'alleanza con il colosso di Internet per rendere i suoi veicoli parzialmente controllabili tramite comandi vocali grazie ad Assistant, l'assistente virtuale di Google, integrato nel software Blue Link della casa coreana. Nelle Hyundai di nuova generazione l'automobilista potrà chiedere ad Assistant di aprire le porte, avviare la macchina, accendere i fari, fermare o riavviare la ricarica delle plug-in, trasferire un indirizzo dal cellulare al veicolo e molto altro: il maggiordomo virtuale può intervenire su tutte le funzionalità dell'auto che sono connesse a Internet.

Tag

Ces  · Here  · Hyundai  · Intel  · Qualcomm  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Basta sperimentazioni per pochi intimi: le auto a guida autonoma iniziano il 2017 con l'Av Road Trip, che attraverserà l'America coast to coast

· di Redazione

Fca sceglie il Consumer Electronics Show di Las Vegas per annunciare la prossima novità. E la lista di Case auto e top manager presenti all'evento si allunga