Ultimo aggiornamento  25 aprile 2019 23:54

Fca e Google, l'integrazione continua.

Redazione ·

Si allarga la collaborazione tra Google e Fca. Le due aziende stanno già lavorando insieme al progetto di guida autonoma e hanno ora concentrato la loro attenzione sui sistemi di tecnologia per l'infotainment e la connessione delle vetture. 

Piattaforma Android per Fca

Al Ces 2017, il Consumer Electronics Show di Las Vegas, Google e Fca presentano lo sviluppo di Uconnect, la nuova piattaforma di gestione della tecnologia all'interno dell'auto - per il controllo ad esempio del riscaldamento, dell'aria condizionata e della radio - realizzata dalla Casa automobilistica italo americana e che si basa su Android 7.0. L'utilizzo di questo sistema - fanno notare alla Fca - permette di integrare i nuovi sistemi di infotainment, come i touchscreen o i comandi vocali e quelli al volante, all'interno di una piattaforma intuitiva, facilmente riconoscibile e utilizzabile, che riduca al minimo i rischi connessi alla distrazione alla guida. 

Sicuri e concentrati 

E' proprio questa la più grande delle sfide per chi lavora nel settore e il motivo per cui le aziende come Google scelgono di lasciare il "controllo" delle interfaccia all'interno delle auto ai costruttori che conoscono bene i limiti di legge a cui sono sottoposti. La riconosciuta flessibilità di Android potrebbe essere la chiave di volta per migliorare l'offerta di infotainment e di connessione per le nostre vetture, in attesa del definitivo arrivo sulle strade delle auto guidate dai robot.

Tag

Ces  · FCA  · Google  · Guida Autonoma  · Las Vegas  · Waymo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Lina Russo

"C'è il potenziale per un accordo tecnico con loro", dice il capo di Fca. "Vediamo se troviamo una intesa su trasmissioni e idrogeno"

· di Valerio Antonini

La casa tedesca e il gigante digitale californiano sviluppano insieme un servizio vocale che permette di tenere sempre la vettura sotto controllo

· di Flavio Pompetti

L'amministratore delegato di Fca annuncia 1 miliardo di investimento e nuovi posti di lavoro negli Usa, dove sposta anche la produzione di un pick up dal Messico