Ultimo aggiornamento  20 novembre 2019 03:28

Milano, una città da muovere.

Redazione ·

L'Automobile Club di Milano incontra i vertici delle istituzioni locali per fare il punto sulla situazione della mobilità non solo in ambito comunale, ma anche allargando il discorso all'area metropolitana e a tutta la regione Lombardia. Occasione dell'incontro il convegno "La mobilità nell'area metropolitana: conoscere e comunicare dati, problemi e strategie" nel corso del quale la Commissione di studio, istituita presso l'Automobile Club di Corso Venezia, ha sollecitato un confronto su cosa si possa fare per migliorare la vita dei cittadini, dei pendolari e dei turisti, salvaguardando anche l'ambiente e garantendo standard di vivibilità degni di una realtà importante a livello mondiale come quella del capoluogo lombardo. 

Politica armonica

Introdotto dal saluto del presidente AC, Ivan Capelli, il convegno si è soffermato in particolare sulla necessità di allargare sempre di più i confini delle zone interessate da provvedimenti coordinati nel settore della mobilità. Spazio quindi alla zona centrale, nevralgica per gli affari e per la vita di tante persone, ma senza dimenticare le zone circostanti, sia quelle immediate che le più lontane. Per armonizzare le differenti necessità è evidente - si è sottolineato nel convegno - come non si possa prescindere da una politica univoca, che sappia lavorare sulla qualità intrinseca del servizio, senza sacrificare però l'ìntermodalità e l'accessibilità che sono requisiti fondanti per una proposta seria e soprattutto utile in materia di mobilità.

Mobilità per tutti

Secondo i partecipanti al convegno, la strada giusta è quella di un'offerta multimodale che non pregiudichi a prescindere l'uso del mezzo privato, per sua natura il più flessibile, ma garantisca un sistema di servizio pubblico efficiente, competitivo e confortevole. Le persone devono essere messe in condizione di fare una scelta consapevole ma anche logica, senza sacrificare il proprio stile di vita

In pratica

All'incontro si è analizzata a situazione economica, sia dal punto di vista delle entrate - cercando di capire per cosa si paga e dove vanno a finire i soldi degli automobilisti e in generale di chi si muove - che in uscita. In questo senso, i lavori hanno portato all'analisi delle possibili coperture, pubbliche e private per le prossime proposte. Passi concreti per combattere la congestione, soprattutto nelle direttrici da e verso Milano. In questo quadro si inserisce la proposta, ad esempio, della costruzione della quarta corsia su entrambe le tangenziali, la est e la ovest e la terza corsia per il tratto autostradale Milano Meda. 

Tag

Automobile Club  · Lombardia  · Milano  · Mobilità  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Nel 2030, il trasporto pubblico su gomma sarà completamente elettrico, alimentato da fonti rinnovabili. Già nel 2018 arrivano i primi 25 veicoli a impatto zero

· di Monica Secondino

Il capoluogo lombardo all'avanguardia in Italia anche nella mobilità condivisa. Comune e aziende interessate studiano le novità per ampliare il servizio

· di Marina Fanara

Bando del Comune per l'acquisto di 25 veicoli a batteria, che verranno affiancati ad altri 120 nuovi veicoli ibridi e ad altri 125 tradizionali appena acquistati

· di Marina Fanara

Con i fondi europei del programma Pon Metro per le città metropolitane, il capoluogo lombardo realizzerà anche nuove piste ciclabili e più collegamenti centro-periferia

· di Marina Fanara

Sms o Lottomatica per pagare l'ingresso in area C. Da febbraio il comune chiede il ticket anche ai veicoli a gpl e metano, stop ai diesel Euro 4

· di Marina Fanara

Nella classifica di ICity Rate di Forum PA, il capoluogo lombardo è la città più "intelligente" del Paese e prima anche in mobilità, davanti a Venezia e Firenze