Ultimo aggiornamento  10 dicembre 2018 00:54

Car sharing, Maven in Europa.

Redazione ·

Il programma di car sharing Maven, realizzato negli Stati Uniti dalla General Motors, potrebbe presto sbarcare anche in Europa. Ad annunciarlo, attraverso un tweet, è stato Karl Thomas Neumann, Ceo di Opel

Due soluzioni 

Secondo il cinguettìo di Neumann il sistema approderebbe sul vecchio continente con una doppia offerta: una versione "Home", dedicata ad hotel e residenze come i dormitori universitari e una versione "Pro", aperta esclusivamente alle aziende. Ancora non si hanno ulteriori dettagli anche se le immagini che accompagnavano i tweet sembravano indicare la possibilità dell'uso di una piccola Opel Adam per espletare il servizio.

Successo americano 

Sono quindici in tutto le città statunitensi oggi raggiunte dal servizio "Maven". Pur essendo attivo soltanto da gennaio del 2016, il programma di car sharing targato Gm ha già conquistato una larga fetta di pubblico, potendo contare su 14 mila clienti e circa 46 miliardi di chilometri già percorsi. Inaugurato nella piccola Ann Arbor, sede della prestigiosa università del Michigan, il servizio si è presto allargato alle maggiori città americane, da New York a San Francisco - dove è nata una partnership con Uber -  da Los Angeles a Boston. 

Un mondo in espansione

Secondo uno studio realizzato dal Boston Consulting Group, nella prima metà del 2016 il car sharing in Europa poteva vantare all'inizio dell'anno una flotta complessiva di oltre 31.000 veicoli con 2 milioni e centomila clienti che ne fanno il continente col maggior utilizzo pro capite di auto condivise, superando anche gli Stati Uniti e il Canada. Sempre secondo lo studio americano, il giro di affari previsto, stando agli attuali ritmi di crescita del sistema, nel 2021 potrebbe superare i 4,7 miliardi di euro. In italia alla "Giornata europea del Car sharing" si è parlato di una flotta di oltre 3.000 auto condivise, con oltre 220.000 clienti in 11 città. E il fenomeno è in crescita esponenziale. 

Tag

Car Sharing  · General Motors  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Attraverso la piattaforma Maven di General Motors si potrà dare in car sharing la propria vettura per brevi periodi e guadagnarci. Test dall'estate

· di Patrizia Licata

Daimler e Bmw sarebbero pronte a fondere i loro servizi di car sharing: dall'accordo nascerebbe un colosso più competitivo nei confronti di Uber e Lyft

· di Flavio Pompetti

Elon Musk, numero uno dell'azienda californiana ha deciso: chi vorrà noleggiare la propria elettrica potrà farlo con un'app. Riuscirà a fare business dove altri non riescono?