Ultimo aggiornamento  26 ottobre 2020 10:08

Disabili, dal governo 8,5 miliardi.

Marina Fanara ·

Nella manovra approvata in tempi record dal Senato, dopo l'esame della Camera, sui 27 miliardi di euro che lo stato ha messo in bilancio per il triennio 2017-2019 c'è un capitolo che riguarda le infrastrutture e trasporti, tra cui 3,7 milioni per rendere più sostenibile il trasporto pubblico locale con l'acquisto di mezzi a basso impatto ambientale e un fondo per "assicurare il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del paese", si legge nel testo.

Un Fondo contro le barriere

Per il Fondo sono stati stanziati 1,9 miliardi di euro per il 2017, 3 miliardi e 150 milioni per il 2018, 3,5 miliardi per i 2019. Risorse da destinare, tra le varie voci di spesa, all'accessibilità nelle stazioni ferroviarie e all'eliminazione delle barriere architettoniche. Un capitolo delicato questo, considerando le difficoltà per i diversamente abili a utilizzare servizi e infrastrutture, proprio per la presenza di ostacoli fisici che ne impediscono l'accesso. 

Fiaba: poca chiarezza sulle risorse

"E' lodevole che il governo si sia occupato concretamente di questo problema odioso e imbarazzante", ci dice Giuseppe Trieste, presidente della onlus Fiaba, Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche, "bisognerà vedere, però, se quanto scritto nero su bianco verrà poi tradotto in azioni concrete". Il dubbio principale è l'entità delle risorse che il governo destinerà per questi interventi a tutela delle persone diversamente alibi. "Il testo", sottolinea il presidente, "rimanda a successivi decreti attuativi attraverso i quali verranno individuati sia i singoli interventi che i relativi importi. Il rischio è che, alla fine, si risolva tutto in un nulla di fatto, come già successo in passato".

Il problema è di tutti

Il presidente della onlus Fiaba ci racconta che, per esempio, è già in vigore una legge (la n. 13 del 1989) che detta una serie di linee per evitare nuove barriere negli edifici, spazi esterni e relative pertinenze e per eliminare quelle esistenti in fase di ristrutturazione. "La norma è stata praticamente disattesa, perché si pensa che questo problema riguardi solo i disabili. Invece, i gradini di un treno, la mancanza di scivoli su una strada o un autobus senza pianale ribassato possono diventare un handicap per tutti, e mettere in difficoltà un anziano o un ragazzo che si è rotto una gamba ed è costretto a muoversi con le stampelle o su una sedia a rotelle".

Serve un vincolo per le gare

Per risolvere la questione, la onlus Fiaba suggerisce al governo di legare la concessione delle autorizzazioni e i fondi eventualmente stanziati per le nuove costruzioni pubbliche e private, per le infrastrutture, l'ammodernamento e la ristrutturazione di opere già esistenti o il rinnovo del parco dei mezzi pubblici, all'obbligo di garantire la massima accessibilità a tutti. "L'occasione potrebbe essere proprio questa Legge di bilancio", sostiene Trieste, "perché prevede finanziamenti pubblici per la ricostruzione post terremoto e circa 4,2 milioni per il rinnovo dei mezzi pubblici: l'assenza di barriere dovrebbe essere requisito fondamentale per richiedere l'appalto". 

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Nuovi semafori per i non vedenti, abbattimento delle barriere, rifacimento marciapiedi e incroci: il Comune stanzia più di mezzo milione di euro

· di Redazione

Solo a Torino, per ora, le persone con disabilità visiva potranno prenotare e pagare una corsa con Wetaxi grazie ai sistemi di lettura dello schermo per smartphone iOS e Android

· di Valerio Antonini

Sono sempre più scaricate le applicazioni che forniscono servizi e informazioni sulla mobilità a chi ha degli handicap. Ecco le più utili

· di Redazione

Presentato dal primo Municipio, un progetto in difesa dei diritti dei diversamente abili, in collaborazione con AC Roma, ACI Consult e Agenzia per la Mobilità

· di Marina Fanara

Nelle città continuano a dilagare gli abusivi degli spazi riservati. Per combattere il fenomeno a Roma e Milano si affidano alla tecnologia a suon di sensori e microchip