Ultimo aggiornamento  23 ottobre 2019 02:37

Dagger Divergent 3D: la moto stampata.

Antonio Vitillo ·

Difficile pensare a qualcosa di più estremo per una moto, rispetto a motore, elettronica e aerodinamica della Kawasaki H2. Ebbene, bandendo ogni riverenza, la Divergent 3D si è concessa il lusso di esporne, se possibile, una ancora più ardita interpretazione al recente Los Angeles Auto Show 2016, la Dagger. 

Pugnale a due ruote

Questo mostro filante e affilato -  Dagger letteralmente si traduce con “pugnale" -  imbriglia le centinaia di cavalli che scaturiscono dal motore quattro cilindri sovralimentato in una ciclistica a dir poco originale: telaio e forcellone, come pure il serbatoio, sono stati prodotti con una stampante 3D. Sostanzialmente la Dagger è una provocazione, realizzata nel tentativo di stimolare la curiosità sul potenziale della tecnologia 3D. Tanto più che per l’azienda di San Francisco questa concept bike, che segue la presentazione della supercar Blade, segna un approfondimento importante dal punto di vista strategico: l'espansione al mondo delle due ruote.

Su motore a scoppio

La Dagger, come la Blade, è stata stampata con filamenti in materiale composito, fra cui il carbonio, andando in teoria a migliorare le caratteristiche di rigidezza della ciclistica rispetto al modello originale. Sebbene non sia la prima moto ad essere stata stampata, detiene il primato per essere stata improntata su una superbike a motore a scoppio; l’italiana Energica Ego, esempio pionieristico di stampa 3D, monta un motore elettrico. "Lo abbiamo fatto per mostrare che possiamo stampare una vasta gamma di veicoli" dice Kevin Czinger, Ceo di Divergent 3D. Ed un accordo, intanto, è stato siglato con Psa (Peugeot-Citroen): "Nei prossimi anni la partnership potrebbe portare il gruppo a commercializzare veicoli standard costruiti sulla nostra tecnologia". Chissà che altre aziende moto non ne seguano l’esempio. 

Tag

3D  · Divergent  · Moto  · Motociclismo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Viene battuta per beneficenza la prossima settimana a Parigi una due ruote che è anche un'opera d'arte. Creata da un italiano la base d'asta è di 25 mila euro

· di Antonio Vitillo

Nasce a Cambridge la sfida britannica alle moto elettriche. potente come una superato, silenziosa e con una straordinaria autonomia. Il tutto per un prezzo small

· di Paolo Odinzov

Presentato a Las Vegas il prototipo di una supercar stampata in tre dimensioni. In alluminio e carbonio, scatta da 0 a 100 all'ora in soli due secondi

· di Antonio Vitillo

La Thrustcycle Enterprises Gyrocycle è l'ultima arrivata della nuova generazione delle due ruote, dotate di giroscopio. Elettrica e veloce, non cade mai

· di Antonio Vitillo

Il prototipo della società danese ha stracciato il precedente record di accelerazione per una due ruote. Andando pure a guida autonoma