Ultimo aggiornamento  23 maggio 2019 03:07

Nuova Ford Fiesta, meno pop e più tech.

Francesco Paternò ·

La Ford Fiesta che si rinnova è una notizia, dopo oltre 17 milioni di unità vendute in quarant’anni, sempre ai vertici in Europa nel segmento B di berlina tre e cinque porte e un rapporto qualità-prezzo da prima della classe. La nuova Fiesta, svelata al quartier generale della Ford Europa a Colonia, nelle intenzioni dichiarate è però meno pop nelle delle serie precedenti, con ambizioni da auto più importante a partire dal prezzo che salirà, per lasciare spazio sul mercato alla più economica Ka Plus. Listini non ancora disponibili ma prevedibili visto le dotazioni, in attesa che l’auto faccia un red carpet al salone di Ginevra nel marzo prossimo, quando sarà detto tutto quel resta da sapere.

Il GoFurther di Fields

Alla presentazione denominata GoFurther (“andare oltre”, claim nato nel 2012 e proseguito nel 2013 salvo fermarsi fino a oggi perché le cose andavano un po' indietro per Ford Europe), è venuto dall’America l’amministratore delegato del gruppo Mark Fields, per parlare del nuovo prodotto non solo ai media ma alla sua gente, concessionari e dipendenti. Evento da oltre 4.000 persone in fabbrica.

Il numero 4

La Ford ha imposto nella comunicazione il numero 4. La Fiesta ha 40 anni, 4 sono le varianti della nuova Fiesta - Vignale, la più sofisticata, ST-Line, la più sportiva, Titanium, l’ingresso e l’Active, la più modaiola vestita da crossover – 4 metri e 04 la lunghezza (+ 7 centimetri rispetto alla precedente) e 4.000 sono i dipendenti dello stabilimento di Colonia. Ai quali è stata promessa, nel corso di una trattativa tirata con i sindacati, la produzione della nuova Fiesta soltanto in questo stabilimento e non anche altrove, come è avvenuto con le generazioni precedenti. Quando però i mercati europei assorbivano ben altri numeri di auto di segmento B.

I sistemi di sicurezza

Se la base meccanica della nuova Fiesta resta quella “perfezionata” del vecchio modello – cosa che ha permesso a Ford di non spendere cifre enormi sul costo principale – tanto è stato fatto sulla piattaforma tecnologica, basata su due telecamere, tre radar e dodici sensori a ultrasuoni. Un sistema che permette di “guardare” a 360 gradi l’area intorno all’auto e la strada che precede fino a 130 metri. Un investimento che in si traduce in sistemi di sicurezza notevoli per un’auto di segmento B. Fra questi, la frenata automatica d’emergenza con assistenza pre-collisione e riconoscimento di persone in prossimità dell’auto, anche di notte, grazie ad una telecamera grandangolare che li riconosce e ne traccia i movimenti. Per la prima volta sulla Fiesta sarà disponibile anche il sistema di parcheggio semiautomatico Active Park Assist, che esegue le manovre sia in parallelo che in perpendicolare.

Motori noti

Sulla nuova Ford Fiesta i motori restano quelli conosciuti con una gamma molto ampia: gli EcoBoost turbo benzina 1.0 tre cilindri da 100, 120 e 140 cavalli, più un 1.1 aspirato da 70 e 85 cavalli per ridurre il prezzo d’ingresso su alcuni modelli; e un diesel 1.5 da 85 e 120 cavalli, il più potente è una novità sulla Fiesta. Non si è parlato né di ibrido, né di elettrico.

A tre porte oltre che a cinque

La nuova berlina mantiene curiosamente in produzione le tre porte, oltre che le cinque, cosa che la distingue nel segmento B, a fronte di una richiesta del mercato in discesa per i modelli a tre, meno funzionali ma dal look più sportivo. La linea è Fiesta subito: la si riconoscerebbe tra mille, perché cambia poco, in meglio soprattutto nella coda.

Ford Europe, conti ok

Sulla Fiesta 2017 compare invece per la prima volta un impianto  hi-fi indicato come  “premium” mentre, dice Jim Farley a capo di Ford Europe, l’auto è la “compatta tecnologicamente più avanzata al mondo”. Nel frattempo, Farley ha portato a casa un utile di 600 milioni di dollari nel primo semestre e oltre un miliardo nei primi nove mesi del 2016, a fronte dei 259 milioni dell’intero 2015.

Tag

Ford  · Ford Fiesta 2017  · Novità  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marco Perugini

Arriva in estate la nuova generazione della cinque porte costruita in Germania, forte di 40 anni di storia e di oltre 17 milioni di esemplari venduti

· di Redazione

Introdotto dall'ovale blu un sistema radar che "osserva" i pedoni distratti e aiuta il conducente ad evitarli. Funziona fino ad 80 chilometri orari

· di Redazione

La strategia della Casa americana prevede un investimento di 4,5 miliardi di dollari sulle auto a batteria. Nel 2020 saranno il 40% della gamma