Ultimo aggiornamento  24 settembre 2018 04:02

In autostrada, pieno elettrico a tempi record.

Marina Fanara ·

Dal prossimo anno sulle autostrade d'Italia si potrà ricaricare l'auto in mezz'ora al massimo. Grazie a un protocollo d'intesa, Enel e Aiscat (l'associazione dei gestori delle tratte a pedaggio) hanno avviato un progetto per la realizzazione di infrastrutture di rifornimento veloce per i veicoli elettrici: "Un'iniziativa per lo sviluppo sostenibile dei trasporti", si legge nel comunicato, "attraverso il quale dare pieno supporto al crescente mercato dei veicoli elettrici che presenta grandi potenzialità in termini di riduzione dell'inquinamento".

Rete elettrica fino in Austria 

Saranno le singole concessionarie a individuare le aree di servizio dove verranno installate a partire dal 2017, le colonnine fast charge sulla base del programma Eva+ (Electric vehicle arteries), presentato da Enel e scelto come progetto pilota da Bruxelles, nell'ambito dell'iniziativa Ue "Connecting europe facility, transpport multi annual call". Eva+ prevede 180 stazioni di ricarica veloce sul territorio italiano e 20 in Austria.

Due auto per ogni colonnina

"La rete autostradale", dichiarano i due partner, "essendo per sua natura un circuito chiuso monitorabile, rappresenta lo scenario ideale per testare un programma nel campo della mobilità elettrica sulle lunghe percorrenze, superando il concetto di utilizzo delle auto a batterie esclusivamente in ambito urbano". Le colonnine Fast recharge plus permettono di caricare la batteria di due veicoli in contemporanea, in 20-30 minuti. 

Tag

Auto Elettrica  · Autostrade  · Enel  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marco Perugini

E' il business generato dai veicoli a batteria previsto nel 2030 da uno studio Ambrosetti - Enel. Oggi nel nostro Paese circolano meno di 10mila vetture a zero emissioni

· di Redazione

Le principali Case tedesche firmano un accordo per sviluppare una rete elettrica europea di ricarica ad alto potenziale. Le prime colonnine nel 2017