Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 09:53

La lettera a Trump.

Alessandro Marchetti Tricamo ·

Ho lasciato passare qualche giorno, come forse avrebbe dovuto fare l’associazione delle Case automobilistiche in America dopo l’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti. I rappresentanti dei 12 marchi più importanti hanno scritto al futuro presidente otto pagine belle fitte nelle quali contestano le scelte di Barack Obama in materia di emissioni, spiegando come i limiti di 54,5 miglia per gallone imposti alle auto per il 2025, siano troppo rigidi. Meglio prendersela comoda. E forse riservare gli investimenti destinati alla ricerca e sviluppo delle tecnologie necessarie a raggiungere l’obiettivo di Obama, a riempire la cassaforte degli azionisti.

Perché poi non mettere un cappello presidenziale (“presidential advisory committee”) sopra le attività delle varie Epa, National Highway Traffic Safety Administration, Federal Trade Commission, Federal Communications Commission, Consumer Financial Protection Bureau, … in modo da renderle mute ? Perché non delegittimare Stati come la California (e altri nove) che vorrebbero raggiungere entro il 2025, con veicoli a zero emissioni (elettrici o a idrogeno), il 15% delle immatricolazioni? Tanto più se la California ha supportato la strategia con incentivi all’acquisto e riduzione delle tasse per le più “verdi”, risorse per pochi ambientalisti che potrebbero essere destinate ad altro. E così via.

La lettera ha dell’incredibile. Non si può ritardare il futuro. Lo dobbiamo alle nuove generazioni. Piuttosto l’industria avrebbe forse dovuto chiedere a Trump più investimenti di quelli fatti dall’ormai ex presidente Obama, sulle infrastrutture di ricarica e di rifornimento (idrogeno). A Trump bisognava ricordare che non si può lasciare la costruzione di una rete di colonnine rapide solo all’impegno (e al business) di un privato come Elon Musk, patron di Tesla. A Trump si dovevano sollecitare incentivi per l’acquisto di elettriche e ibride plug-in proprio sul modello California, in grado di far decollare le vendite e avviare finalmente le economie di scala necessarie alla riduzione dei prezzi. Oppure defiscalizzare la ricerca sulle nuove tecnologie “verdi”. E molto altro.

Invece la lettera ha riproposto la vecchia immagine dell’industria automobilistica, arroccata a difendere i propri interessi e fuori dal tempo. Quella che si oppone al cambiamento, perdendo l’appuntamento con il futuro. Quella che contribuisce a far crescere il diffuso sentimento anti-auto. Speriamo ora che in Europa, a nessuno venga la brillante idea di seguire l’esempio americano.

Tag

Auto Elettrica  · Donald Trump  · Stati Uniti  · Trump  · 
In folle
il blog di Alessandro Marchetti Tricamo
Direttore de l'Automobile

Ti potrebbe interessare

· di Flavio Pompetti

18 costruttori scrivono al presidente perché blocchi i nuovi regolamenti su consumi ed emissioni. Voluti da Obama e giudicati troppo onerosi

· di Redazione

L'Acea, associazione dei produttori del vecchio continente, chiedono più flessibilità alla Commissione Ue per aderire ai nuovi regolamenti

· di Flavio Pompetti

Già protagonista nelle amministrazioni dei presidenti Bush, l'ex immigrata cinese andrà ai Trasporti al posto di Foxx. Preoccupato solo il mondo dell'hi tech

· di Flavio Pompetti

"Fca è abbastanza forte per i cambiamenti in arrivo", ha detto il manager. Che non può non essere preoccupato per la nomina del nuovo presidente statunitense

· di Patrizia Licata

La società del ride sharing rivale di Uber teme il nuovo presidente: a rischio standard, incentivi ai veicoli autonomi e urbanistica