Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 18:09

Stanford: elettriche meglio delle fuel cell.

Patrizia Licata ·

Le amministrazioni locali farebbero meglio a investire soldi in veicoli elettrici a batteria piuttosto che in veicoli a idrogeno con celle a combustibile: lo ha concluso uno studio della Stanford University (California) e della Technical University of Munich (in Germania) secondo cui le elettriche a batteria sono un sistema meno costoso e più efficiente di trasporto pulito con vantaggi maggiori anche in termini di stoccaggio e riuso dell'energia.

Il confronto

Gli scienziati hanno studiato le potenzialità dei veicoli elettrici di tipo plug-in (con batterie ricaricabili) e dei veicoli elettrici con celle a combustibile che convertono l'idrogeno in elettricità. In entrambi i casi, si tratta di tecnologie pulite per il trasporto, perché si azzerano le emissioni di CO2, ma i ricercatori si sono chiesti, nel momento in cui questi veicoli si diffonderanno su ampia scala, quale delle due tecnologie richieda un'infrastruttura di ricarica meno costosa, quale riduca di più le emissioni totali di gas inquinanti e offra anche una fonte di energia verde per i riscaldamenti e l'illuminazione degli edifici. Lo studio, pubblicato dalla rivista Energy, ha usato un modello matematico che ha calcolato quale fosse la soluzione dalle prestazioni migliori.

Lo scenario: Santa Clara County, 2035

Il risultato si basa non sullo stato attuale della diffusione dei veicoli elettrici ma su un futuro in cui i veicoli elettrici, sia a batteria che a fuel cell, saranno d'uso comune. Lo studio ha immaginato un preciso scenario: siamo nel 2035, nella cittadina di Los Altos Hills della contea di Santa Clara, California, con veicoli elettrici che rappresentano il 38% del totale e infrastrutture di ricarica più efficienti, meno costose e meno inquinanti di oggi.  Attualmente infatti, i veicoli elettrici non sono completamente a impatto zero, perché, per esempio, chi ricarica la batteria dell'auto elettrica deve usare la rete elettrica che produce energia da fonti per lo più fossili, oppure per produrre idrogeno occorre trasformre il gas naturale con procedimenti industriali che generano CO2. Tutto questo a Los Altos Hills nel 2035 sarà superato.

Il verdetto del computer

Gli scienziati hanno messo nel computer dati come la quantità di energia di cui Los Altos Hills ha bisogno in un giorno, i costi di costruzione di nuove infrastrutture energetiche (pannelli solari, batterie, elettrolizzatori per idrogeno, ecc.) e le emissioni generate, e il modello matematico ha elaborato la sua risposta: le infrastrutture di ricarica sono meno costose e più efficienti e la capacità di stoccare elettricità e re-immetterla in rete è maggiore per i veicoli elettrici a batteria. Anche l'infrastruttura per l'idrogeno può conservare energia pulita da utilizzare al bisogno, ma secondo lo studio è meno efficiente; perché i veicoli a celle combustibile siano competitivi il loro prezzo dovrebbe scendere di molto rispetto ai veicoli a batteria, ma, secondo lo studio, ciò non accadrà nei prossimi anni.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

L'associazione dei consumatori Adiconsum al governo: nella bozza di recepimento della direttiva Ue sui combustibili alternativi più spazio alle emissioni zero