Ultimo aggiornamento  20 maggio 2019 23:00

Incidenti, è di nuovo allarme rosso.

Redazione ·

Il trend non solo è confermato, ma i numeri sono anche peggiori del previsto. I dati definitivi ACI-Istat sugli incidenti stradali, di cui era stata data un'anticipazione lo scorso luglio, indicano che il numero dei morti, per la prima volta dal 2001, nel 2015 è tornato a crescere: +1,4% rispetto al 2014, mentre il dato provvisorio fornito la scorsa estate si fermava a +1,1%. Anche le cifre sul totale degli incidenti e dei feriti fanno suonare il campanello d'allarme: sono diminuiti entrambi (rispettivamente -1,4% e -1,7%), ma meno degli altri anni

Sos lesioni gravi

Oltre all'aumento delle vittime, il rapporto ACI-Istat segnala il notevole incremento delle persone gravemente ferite: il 6,4% in più nel 2015 rispetto all'anno precedente. In totale sulle strade della penisola si sono verificati 174.539 sinistri (in media 478 al giorno) con 3.428 morti (circa 9 al giorno) e 246.920 persone ferite (478).

Crescono i rischi in città

Le strade urbane sono sempre più pericolose, soprattutto nelle metropoli. E' qui che è stato registrato un aumento consistente degli incidenti mortali, che hanno provocato l'8,6% di vittime in più rispetto al 2014. Ancora una volta le persone più esposte sono state i motociclisti (+9,8%) e i pedoni (+4,1%), ma conforta il dato sugli altri utenti deboli: in calo le vittime in ciclomotore (-6,3%) e in bicicletta (-8,1%). Situazione migliorata anche per i conducenti fra i quali si registra un -1,5% di decessi.

Distrazione killer 

Gli incidenti sono stati causati per la maggior parte dalla distrazione, dalla velocità, dal mancato rispetto dei segnali, delle precedenze e della distanza di sicurezza. Non a caso, le contravvenzioni elevate dagli agenti delle forze dell'ordine hanno riguardato soprattutto l'eccesso di velocità e l'uso del cellulare, prima fonte di distrazione alla guida. Raffica di multe anche in materia di dispositivi di sicurezza (cinture, casco e seggiolini).

Tag

Aci-Istat  · Incidenti  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Divulgati i dati sui sinistri dello scorso anno in Italia. Incidenti e feriti in crescita, mortalità in ribasso. Distrazione, mancata precedenza e velocità le cause

· di Marina Fanara

Le stime sui sinistri di Polizia e Carabinieri dicono che il fenomeno è di nuovo in crescita. Aumentati i controlli, soprattutto per alcol e droga

· di Marina Fanara

L'Organizzazione mondiale della sanità promuove Safe lives#SlowDown, campagna contro l'eccesso di velocità, primo fattore di rischio d'incidente stradale

· di Redazione

Nell’Unione Europea un terzo delle morti su strada è dovuto a collisioni che riguardano un solo veicolo. Cosa bisogna assolutamente fare

· di Andrea Cauli

A Palmanova, in provincia di Udine, è stato sperimentato un asfalto speciale che consente di accorciare la frenata dei veicoli in prossimità delle strisce pedonali

· di Redazione

Nel primo semestre 2016 gli incidenti tornano a scendere: lo dimostrano le prime stime ACI-Istat. Ma l'Italia rimane lontana dal -50% fissato dall'Europa

· di Redazione

Jean Todt della Fia, Angelo Sticchi Damiani dell'ACI e Giuseppe Guccione (onlus) inaugurano nella Capitale il primo centro nazionale dell'associazione vittime della strada

· di Giuseppe Cesaro

Nel Vecchio Continente tornano ad aumentare le vittime della strada: nel 2015 sono state l'1,3% in più rispetto all'anno precedente. A rischio l'obiettivo del 2020