Ultimo aggiornamento  24 aprile 2019 14:30

Gm divisa tra Uber e Lyft.

Flavio Pompetti ·

New York - La lunga ombra del Generale si stende sopra il car sharing. La General Motors ha rivelato ieri sera nel corso di una conference call con i media americani che sta collaborando con la Uber per fornire le sue vetture in affitto agli autisti del gruppo, tramite il programma Maven che la stessa Gm aveva avviato lo scorso gennaio per lanciarsi autonomamente nell’avventura della proprietà condivisa.

Gm gioca su due tavoli

L’anomalia a prima vista è che la Gm è già co-proprietaria della californiana Lyft, che nel settore è la principale avversaria di Uber sul territorio americano. A guardar bene però l’accordo con Uber riguarderebbe al momento il solo affitto delle auto Gm, in un programma sperimentale della durata di 90 giorni, durante i quali agli autisti del gruppo viene offerta un leasing limitato, al costo di 179 dollari alla settimana, al netto di tasse e spese amministrative.

Una partita che vale la pena giocare

Delle due l’una: o il settore si presta alla più assoluta fluidità, non solo nella condivisione della guida ma anche degli assetti proprietari (in fondo già Lyft non ha un parco di sole GM, ma attraverso la Hertz con la quale è a sua volta consociata ha accesso ad un parco pressoché illimitato), oppure questo mercato nascente, che vale già oltre cento miliardi di dollari, si sta avviando ad una rapida operazione di consolidamento.

Valore miliardario (e virtuale)

O non sarà piuttosto vero il contrario? Ricordiamoci che alla Uber viene attribuito una capitalizzazione di mercato - virtuale al momento che non è quotata in borsa - di 66 miliardi di dollari, contro i 48,2 miliardi di valore odierno della GM.

Tag

Gm  · Lyft  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

La Casa giapponese investe 500 milioni di dollari nella società americana di ride hailing. Sfida a General Motors e Waymo

· di Luca Bevagna

La Casa tedesca inizia la sperimentazione di 40 vetture a guida autonoma nel centro di Monaco. Obiettivo sfidare Uber e Lyft

· di Patrizia Licata

La società del ride sharing rivale di Uber teme il nuovo presidente: a rischio standard, incentivi ai veicoli autonomi e urbanistica

· di Flavio Pompetti

Raddoppiano gli utili grazie soprattutto al mercato nordamericano. Ma sono in rosso Europa e le attività in Sudamerica

· di Redazione

Il colosso americano dell'auto stanzia 10 milioni di dollari per aggiornare il suo impianto in Ontario e dedicarlo allo sviluppo delle auto robot