Ultimo aggiornamento  20 agosto 2019 01:53

Triumph Bobber, che stile.

Antonio Vitillo ·

La casa inglese Triumph svela la sua interpretazione di moto Bobber, stile che dà anche il nome al modello. Deriva dalla Bonneville T120, quindi ne adotta il motore bicilindrico frontemarcia raffreddato a liquido di 1.200 centimetri cubici, ma con una erogazione della potenza che favorisce il rendimento ai bassi regimi, cosa che è conseguenza di una nuova mappatura della centralina, una nuova cassa filtro e dell’impianto di scarico dedicato: i collettori ed terminali sono in acciaio satinato.

Serbatoio a goccia

Oltre al motore, il serbatoio a goccia è di provenienza Bonneville, ma senza le protezioni laterali per le gambe. La ciclistica è sostanzialmente nuova; il telaio a doppia culla mima nell’aspetto i bracci del forcellone rigidi, come dovrebbe essere da migliore tradizione bobber; raggiunto lo scopo stilistico però si pensa al comfort: il monoammortizzatore c’è, allevierà i colpi alla schiena del biker anche se è volutamente confuso nella zona sottosella.

Vera monoposto

Effettivamente monoposto, la Bobber adotta un reggisella in alluminio che dispone della possibilità di regolare l’altezza e la distanza dal manubrio della seduta. Il parafango posteriore è corto e come da tradizione la ruotona posteriore è a spalla larga; misura 16 pollici, di 19 pollici all’anteriore, entrambe sono a raggi. Lo strumento, che è un unico elemento, riporta le informazioni più importanti e può essere inclinato a piacimento, come regolabile è il controllo di trazione, con due mappe motore che prevedono il modo “rain” o quello “road”.

Il sistema Abs di assistenza alla frenata, le manopole riscaldabili e gli specchietti retrovisori integrati alle estremità del manubrio completano il profilo della Triumph Bobber, una moto inglese in chiaro stile americano che, per i suoi tratti minimalisti, negli anni ’50 sarebbe stata vicina parente dei chopper. Ad inizio 2017 la troveremo in vendita dai concessionari, il prezzo non si conosce ancora.

Tag

Moto  · Novità  · Triumph  · 

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

La Factory Custom dello storico marchio curerà le edizioni particolari delle due ruote inglesi. Primo esempio è la Thruxton Tfc: 750 esemplari dal costo di 22.500 euro

· di Antonio Vitillo

Il marchio inglese indice "Spirit of '59", un concorso tra quanti richiederanno un test drive di uno dei suoi modelli. Chi vince porta a casa una Bonneville T100

· di Antonio Vitillo

Un teaser diffuso dalla Casa giapponese anticipa l’uscita della nuova due ruote, erede della mitica Z1, la moto che quarant'anni fa fece storia

· di Redazione

Acquistata per caso a Pesaro da un ex senatore per 30 mila euro, la spider torna a far rivivere le atmosfere del film di Federico Fellini