Ultimo aggiornamento  22 luglio 2019 23:08

La macchina del pane in 3D.

Paolo Borgognone ·

Le strade della cittadina di Kamakura, a cinquanta chilometri da Tokyo, sono antiche, strette e spesso intasate, soprattutto dai turisti che accorrono in quesa zona in particolare per ammirare i templi buddisti e shinto che abbelliscono il panorama. Per combattere la congestione, una società di consegna di beni alimentari del posto, la Toshimaya - specializzata soprattutto nella produzione di pane e biscotti -  si è rivolta alla Honda e alla Kabuku, un'azienda che si occupa di stampe 3D per realizzare un veicolo ad hoc per il suo business. Nasce così il Micro Commuter: piccolo, capiente, poco inquinante. 

Piattaforma Honda

Alla Honda hanno studiato già da tempo una piattaforma di design variabile che funge da base; sviluppandola a seconda delle necessità del committente, nasce un veicolo che si adatta perfettamente alle esigenze di chi lo utilizza. Gli elementi chiave come la batteria, il motore, la centralina di controllo, sono già posizionati in modo che poi basti costruirci intorno il veicolo secondo le richieste. Lo chassis è una struttura tubolare leggera e rigida. Sotto il cofano "batte" un motore elettrico da 11 chilowatt che permette al Micro Commuter di raggiungere i 70 chilometri l'ora, con una autonomia di circa 80 chilometri. 

Pronto a tutto 

La batteria, dichiarano alla Honda, può essere ricaricata in 3 ore a 200 volt e in 7 a 100 volt. Il pregio maggiore del Micro Commuter è la sua flessibilità. Il mezzo può passare dall'avere un solo sedile, con tutto il resto dello spazio dedicato al carico, ad avere tre comodi posti. Anche la personalizzazione è molto semplice da ottenere: grazie alla stampa 3D gli esterni possono essere creati a piacimento del cliente, seguendone le indicazioni. Questo sistema, si augurano alla Honda, potrebbe favorire la nascita di una flotta di mezzi economici ed ecologici che siano anche il più possibile vicini ai gusti ed alle necessità di chi li acquista. 

Tag

Giappone  · Honda  · Micro Commuter  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Presentato a Las Vegas il prototipo di una supercar stampata in tre dimensioni. In alluminio e carbonio, scatta da 0 a 100 all'ora in soli due secondi