Ultimo aggiornamento  18 novembre 2018 11:30

Auto, agli europei piacciono a batteria.

Patrizia Licata ·

L'Europa è il secondo maggior mercato al mondo per i veicoli elettrificati: a fine 2016 sulle strade europee (Ue più Norvegia, Islanda, Svizzera, Liechtestein) circolerà più di mezzo milione di unità fra elettriche e ibride plug in, secondo uno studio di Transport & Environment. Questi numeri ci portano avanti agli Stati Uniti, lasciando in pole position solo la Cina.

Passione europea per l'Outlander

Nell'Unione europea nel 2015 sono stati venduti 145.000 veicoli elettrificati, il doppio rispetto al 2014 e il maggiore incremento mai registrato. Mitsubishi è la casa automobilistica più amata da chi compra un'auto a batteria in Europa con 28.175 unità vendute l'anno scorso, pari al 23% di tutte le vendite Mitshubishi nel nostro continente. Il successo è dominato dal fuoristrada ibrido plug-in (Phev) Outlander (27.977 unità vendute l'anno scorso) anche se, osserva Transport & Environment, la sua limitata autonomia in elettrico rischia di ridurre i benefici per l'ambiente. La seconda auto elettrica più diffusa in Europa è la Renault Zoe, elettrica a batteria (BEV, 16.612 unità vendute nel 2015); terza è la nuova Golf GTE (quasi 15.000 auto vendute), che scalza in classifica la ex numero tre Nissan Leaf (11.977).

Olanda e Norvegia top markets

Per il terzo anno consecutivo, nel 2015 i Paesi Bassi sono primi in Europa per numero assoluto di veicoli elettrificati venduti, mentre la Norvegia è prima in termini di share dell'elettrico sul mercato auto (circa un quarto dei veicoli circolanti in Norvegia è elettrico). Nei Paesi Bassi prevalgono i modelli ibridi plug-in, in Norvegia le elettriche a batteria, grazie a robusti incentivi. Terzo maggior mercato europeo per le auto elettriche è il Regno Unito, con prevalenza di Phev; per le elettriche pure, è la Francia il secondo maggior mercato. La Germania ha un piano di elettromobilità molto ambizioso (un milione di Ev in strada nel 2020), ma per ora gsono solo lo 0,7% delle vendite totali di auto, anche perché adeguati incentivi sono stati introdotti solo di recente. In Italia i veicoli elettrici hanno circa lo 0,1% del mercato totale; il governo sta lavorando a una Road Map 2030 per la mobilità sostenibile, con stimoli all'acquisto dell'auto elettrica e creazione di una diffusa rete di ricarica.

Quattro interventi per ingranare la quarta

Da notare che in Europa sono ancora pochissimi i camion e furgoni elettrici; al contrario, le e-bici e gli e-scooter sono molto più popolari delle auto elettriche con, rispettivamente, 5 milioni e 8 milioni di unità già circolanti sulle strade del continente. "L'Europa è in piena 'rivoluzione mobilità elettrica' e pronta a diventare una leader", afferma Julia Hildermeier, electromobility officer di T&E. Che cosa manca ora per fare il salto? Oltre a più modelli anche per i mezzi pesanti, "servono quattro importanti interventi del regolatore", risponde la Hildermeier: "severi limiti sulle emissioni di CO2 per le nuove auto con precisi target sulle vendite di EV per stimolare la concorrenza tra produttori; una veloce diffusione di stazioni di ricarica elettrica in tutta Europa; divieto di circolazione nelle città per i diesel più inquinanti; incentivi fiscali per le elettriche a batteria".

Tag

Auto Elettrica  · eBike  · Europa  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

L'Europa: dal 2019 i nuovi edifici dovranno installare punti di ricarica per le auto. L'Italia prepara il suo piano mentre la Norvegia si affida agli sgravi fiscali

· di Patrizia Licata

E' l'obiettivo indicato dal Consiglio Mondiale dell'Energia per ridurre significativamente le emissioni inquinanti dei veicoli. Ma le vendite per ora non decollano