Ultimo aggiornamento  23 agosto 2019 15:13

Daimler racconta l'auto robot ai bambini.

Paolo Borgognone ·

Chi lo ha detto che le favole per i più piccoli debbano essere popolate soltanto da streghe col nasone storto e la dentiera o da piccoli unicorni rosa con gli occhioni da cerbiatto? Grazie al Moovel Lab - un gruppo di designer tedeschi che lavora per il Moovel Group, la società sussidiaria del gruppo Daimler famosa per aver creato il car sharing car2Go per intenderci - adesso nelle storie per i più piccoli c'è anche una simpaticissima auto robot. 

Non dorme mai 

La protagonista del libro "Where Do Cars Go at Night?", si chiama Carla -15. E' una pimpante automobile a guida autonoma e di giorno accompagna le persone in giro, da una parte all'altra della città. Ma quando si fa sera, invece di andare a dormire in orrendi e freddi parcheggi - che nella favola sono stati riconvertiti in case o in luoghi d'incontro, dove le persone vanno a divertirsi -  Carla gira per la città svolgendo lavori utili alla comunità. Pulisce le strade, consegna merci, si prende cura delle piante nei giardini pubblici, aggiusta quello che si rompe. E quando si fa mattino, dopo una bella ricarica alla sua colonnina elettrica, è pronta a tornare in strada. 

Per i grandi di domani 

La favola si rivolge ai (non) guidatori di domani: a quella generazione che, se l'avanzamento delle conoscenze e delle applicazioni pratiche continuerà al ritmo e nella direzione che conosciamo oggi, potrà prenotare da casa un taxi robot e farsi trasportare dove vuole, senza mettersi al volante. Vivendo in un mondo in cui nessuno è più proprietario di un'auto ma dove la mobilità, elettrica , interconnessa ed ecologica, è totalmente condivisa. L'idea alla base del libro, dicono alla Daimler è quella di illustrare cosa ci si può aspettare dallo sviluppo tecnologico e rendere questo processo comprensibile anche ai più piccoli. 

Il nostro domani 

Il libro presenta una visione idilliaca del futuro, nella quale tutti i problemi connessi alle auto autonome ed al loro sviluppo sono stati risolti. Si tratta di un'idea del domani, che accomuna sempre più spesso case costruttrici, governi, investitori, nella quale l'intelligenza artificiale alla guida significa soprattutto una riduzione della congestione e un calo, se non l'eliminazione totale, degli incidenti sulle strade in un mondo più pulito. 

Protagonisti del rinnovamento

Il Moovel Group che ha realizzato "Where Do Cars Go at Night?", è uno dei più attivi gruppi nel settore dell'innovazione applicata alla mobilità. Dopo la creazione della fortunata piattaforma internazionale  "car2go", la sussidiaria di Daimler ha fatto parlare di se soprattutto per le recenti acquisizioni, come quella del route planner "RideScout", della app "Mytaxy" e della app di ticketing "GlobeSherpa". Proprio dalla fusione di quest'ultima con "RideScout" è nata "Moovel North America Llc" che sta sviluppando nuovi prodotti - "Moovel Transit" e "RideTap" per facilitare la crescita della mobilità intermodale nelle città statunitensi.  

Tag

Car2Go  · Daimler  · Moovel Group  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

La Casa tedesca ha realizzato un volume illustrato per far scoprire ai più piccoli la città della Sassonia dove ha una fabbrica

· di Redazione

Alunni delle elementari studieranno come diventare automobilisti responsabili da grandi. Una iniziativa della Kia in sei città italiane

· di Paolo Borgognone

La città natale del marchio tedesco del lusso ha dato il via libera alla sperimentazione su strada delle auto a guida autonoma

· di Redazione

A partire da giugno la casa svedese lancia tre nuovi seggiolini studiati appositamente per dare ai piccoli viaggiatori più protezione e maggiore comfort

· di Marina Fanara

È la nuova "superstrada" per i più piccoli di Casalmaggiore. Scorre ai margine del Po fino alla scuola e ai luoghi principali della città. Evitando i pericoli del traffico