Ultimo aggiornamento  19 aprile 2019 03:12

Scooterino sbarca a Genova.

Marina Fanara ·

Il "moto pooling" urbano di Scooterino approda a Genova. Lo hanno annunciato i fondatori della startup, Francesco Rellini e Oliver Page: "Entro la fine dell'anno sarà disponibile l'applicazione. Per ora stiamo procedendo alla fase sperimentale, con i primi test sugli scooteristi".

Blablacar a due ruote

Cos'è Scooterino? "Non si tratta di un servizio di scooter sharing", puntualizzano i due ideatori dell'app, "ma, piuttosto, di una specie di Blablacar per le moto, l'ideale per i tragitti urbani di breve distanza". Il funzionamento è semplice: attraverso una app, scaricabile gratuitamente, si accede alla piattaforma dove i due interlocutori, chi offre e chi cerca un passaggio, entrano in contatto per condividere il viaggio su un determinato tragitto.

Si paga poco e con un click

I costi sono irrisori: 3-4 euro, un piccolo rimborso spese, di cui il 20% spetta alla startup e il resto al proprietario del mezzo. Il passeggero paga direttamente tramite l’app, con carta di credito, anche ricaricabile, Poste Pay e Paypal. Per motivi di sicurezza e affidabilità, chi mette a disposizione la moto deve aver stipulato un'assicurazione che copre anche la persona trasportata e deve essere munito di un secondo casco a norma di legge. Il passaggio si può prenotare in anticipo o al momento. L'unico vincolo imposto dall'applicazione sia al passeggero che al conducente è quello di lasciare la propria valutazione sulla qualità del servizio al termine del viaggio.

Nella Capitale ha fatto boom

Sulla scia del successo ottenuto a Roma dove oggi, a circa un anno dall'avvio, si contano 12 mila utenti, 500 scooteristi accreditati e oltre 18 mila viaggi in pooling, Scooterino prevede di ottenere buoni risultati anche a Genova visto che, in una settimana di test, sono già arrivate in piattaforma oltre 100 richieste. Prossimamente il servizio dovrebbe aprire anche in altre città, tra cui Milano e Firenze.

Tag

Genova  · Scooterino  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il Comune detta le linee del nuovo piano di trasporti sostenibili: sharing, sistemi intelligenti e rilancio del tram. Allo studio premi per i cittadini virtuosi