Ultimo aggiornamento  15 novembre 2019 11:04

Toyota, il sole per amico.

Luca Bevagna ·

Parigi - E’ passata inosservata, eppure al Mondial de l’Automobile c’è una innovazione che vale la pena vivere fino in fondo. E’ il pannello fotovoltaico inserito sul tetto della nuova Toyota Prius Plug-in.

L'energia disponibile

Scordatevi logicamente di viaggiare solo con l’energia solare: la dimensione è ridotta e neppure nel pieno deserto del Sahara forse si riuscirebbe ad accumulare così tanta energia da far viaggiare la berlina giapponese. D’altronde il dato fornito da Toyota è chiaro: sfruttando il sole si può accumulare in media l’energia equivalente a 5 km. Poco. Considerando però un periodo di un anno e 250 giorni di utilizzazione della Prius, si arriva a 1.250 chilometri, ottenuti a costo ed emissioni pari a zero.

Il segno di un cambiamento

Ancora poco dirà più di qualcuno. E’ però l’idea che deve essere premiata: una vettura che diventa una mini centrale di produzione di energia verde è qualcosa che cambia i vecchi paradigmi dell’auto. Toyota ci prova ed oltre al pannello fotovoltaico sulla Prius Plug-in, con la sua Mirai ad idrogeno è in grado di produrre energia per una abitazione. Nissan fa altrettanto con la Leaf. E gli altri?

Tag

Energia solare  · Parigi  · Plug-in  · Prius  · Salone di Parigi 2016  · Toyota  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

Il numero uno del gruppo Toyota spiega la sua visione della guida autonoma e annuncia l’ingresso nel campionato mondiale rally

· di Redazione

Nella Settimana europea della mobilità, la laguna fa da palcoscenico ai primi test aperti al pubblico della Mirai a idrogeno e delle ibride Prius e Yaris