Ultimo aggiornamento  22 ottobre 2019 15:26

A Imola domina Viberti.

Salvatore Tarantino ·

Il giovane pilota della Leon di BRC non ha rivali in pista, ma grazie ad otto vittorie nelle gare precedenti il pilota della Honda Civic schierata da Jas nei colori Ags conquista il suo quarto alloro tricolore. Tricolore in anticipo anche tra le derivate di serie con il pilota di Seat Motorsport Italia mattatore con la Leon Cupra ST wagon.

Il sesto e penultimo round stagionale di Campionato Italiano Turismo corsosi ad Imola ha incoronato con una tappa di anticipo i nuovi campioni tricolori.

Per il TCR, la categoria maggiore sul fronte prestazionale, Roberto Colciago conquista il quarto alloro della carriera con i punti del secondo posto conquistato nella seconda gara.

Al cospetto di Alberto Viberti e della Seat Leon TCR della BRC Racing Team, che nell’autodromo Enzo e Dino Ferrari firmano uno strepitoso hat-trick con pole position, vittoria e giro più veloce in entrambe le gare, il pilota della Honda Civic schierata da Jas nei colori Ags, lascia il Santerno con la matematica certezza di aver conquistato per la quarta volta il massimo alloro tricolore.

Il numero di vittorie

Grazie al gioco degli scarti ed al maggior numero di vittorie comunque vantato anche nell’ipotesi di un en-plein del rivale all’ultimo round di Monza, Colciago fa così suo il Campionato Italiano Turismo dopo aver conquistato otto successi e tre piazzamenti sul podio nelle dodici gare finora disputate.

Un quarto titolo tricolore che il pilota di Saranno, già Campione Italiano di Formula 3 nel 1990, di Superturismo nel 2006 e di Turismo Endurance nel 2009, conquista dopo aver lasciato i campi di gara da cinque stagioni.

Anche tra le vetture di più stretta derivazione di serie, il weekend di Imola ha incoronato il Campione Italiano Turismo. Al termine della gara del sabato e con ben tre gare d’anticipo rispetto all’ultima bandiera a scacchi della stagione, Alberto Bassi e la Seat Leon Cupra ST hanno infatti conquistato il titolo tricolore TCS dopo aver siglato la sesta vittoria stagionale. Un risultato straordinario raggiunto al termine di un lavoro di sviluppo incessante, tutto mirato alla ricerca della massima prestazione, ma sempre nei limiti regolamentari di un prodotto di stretta derivazione di serie.

Traguardo da incorniciare

Il tricolore di TCS è una tappa importante nel curriculum sportivo di Alberto Bassi, che approda nella categoria dopo importanti esperienze in monoposto e Sport Prototipi. Un traguardo da incorniciare per il pilota milanese, che, dopo una laurea in Economia alla Cattolica, nella vita di tutti i giorni, è amministratore delegato di un’importante società di consulenza.

Ed un risultato straordinario anche per Seat Sport e Seat Motorsport Italia, soprattutto correlandolo al valore espresso dalla concorrenza, quando presentatasi in pista nelle forme della Peugeot 308 GTi di 2T Course & Reglage e Procar  o dell’Alfa Romeo Giulietta QV di Leone Motorsport, su tutte.

Anche la tappa di Imola ha poi offerto come sempre tanto spettacolo in pista.

A partire dalla concorrenza straniera, rappresentata dal ceco Petr Fulín, leader del Campionato Europeo FIA, autore di un secondo posto sulla Leon in gara 1 davanti a Colciago che poi segue in gara 2 dove è terzo. O dallo scozzese Finaly Crocker, già in gara al Mugello ed autore ad Imola di due partenze a fionda sulla Honda Civic con la quale è protagonista nelle scintille di testa nei primi giri e poi chiude il weekend con il quarto posto di gara 2.

La bagarre

Ma ad appassionare la tappa all’Enzo e Dino Ferrari è stata anche la bagarre alle spalle delle posizioni da podio con Romy Dall’Antonia quarto in gara 1 prima di cedere il volante della Leon di BF per gara 2 a Samuele Piccin che si aggiudica un emozionante duello con Daniele Cappellari (CR Team Bassano) per la quinta piazza e per il primato tra le Seat con cambio Dsg.

Le Alfa Romeo Giulietta QV di Andrea Mosca, in gara 1 e di Andrea Bacci, in gara 2, hanno svettato tra le TCT. Il gran finale per il Campionato Italiano Turismo sarà sulla pista del Gran Premio d’Italia di Formula Uno, a Monza, nel weekend del 30 ottobre prossimo per il settimo ed ultimo round stagionale.

Tag

Motorsport  · 

Ti potrebbe interessare