Ultimo aggiornamento  18 agosto 2018 04:34

Psa e Bollorè: sognando la California.

Redazione ·

Anche Psa vuole raccogliere la sfida del car sharing: per farlo il colosso francese ha cercato - e trovato - alleati nel suo Paese. Carlos Tavares, Ceo di Psa, ha annunciato di essere in trattative col gruppo Bolloré - uno dei 500 più importanti del pianeta e quotato alla borsa di Parigi - per la creazione di un servizio di car sharing in varie città del mondo. Prima fra tutte Los Angeles. 

Lavoro di gruppo

"Insieme con il gruppo Bolloré stiamo lavorando su un'offerta di car sharing da portare in molte città - ha detto Tavares - in particolare in California. Le trattative sono ancora in atto ma speriamo di chiuderle presto". Il gruppo Bolloré, che può contare su oltre 58.000 dipendenti in tutto il mondo e ha denunciato un profitto netto nel 2015 di 727 milioni di euro, è già impegnato sul versante del car sharing - in particolare elettrico - in città come Parigi e ha messo Los Angeles, così come altre metropoli americane, nel mirino per espandere i propri servizi. 

Il successo di Uber

A convincere molte Case produttrici di automobili a lanciarsi nel mondo del car sharing è stato sicuramente il successo di iniziative come quella di Uber. La paura, neanche tanto nascosta, è quella di un calo drastico delle vendite se - in  particolare nelle grandi concentrazioni urbane - il fenomeno dell'auto condivisa dovesse continuare a crescere. Anche per questo Psa - come altre Case, ad esempio Mercedes - sta investendo nella diversificazione degli investimenti, dalle start up al leasing. 

Tag

Bolloré  · Car Sharing  · Los Angeles  · PSA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Il gruppo francese che gestisce servizi di car sharing elettrico (anche a Torino) perde colpi in Borsa ma promette il rilancio con la versione migliorata della sua batteria

· di Redazione

L'ultimo rapporto dell'Aniasa (autonoleggio) segnala il successo dell'auto condivisa: boom in Europa, tedeschi in testa, in Italia è crescita a due cifre

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Bmw ha lanciato a Seattle ReachNow, il servizio di auto condivisa con oltre 300 vetture a disposizione. E la risposta (verbale) di car2go non si è fatta attendere