Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 16:06

Formula 4, Vallelunga parla straniero.

Adriano Tosi ·

Dopo la pausa estiva, l’Italian F.4 Championship powered by Abarth è ripartito dall’Autodromo di Vallelunga. Con i giochi ancora aperti per tutte le classifiche, assoluta, Rookie e team, la battaglia si annunciava molto accesa, cosa che si è puntualmente verificata.

Arriva la pioggia

In Gara 1 si assiste a qualcosa che si è già più volte verificato in questa stagione: pochi minuti prima del via inizia a cadere la pioggia, che spinge la Direzione Gara a far partire la corsa in regime di Safety Car. La manche si chiude qualche minuto prima dei 28’ + 1 giro, a causa di diverse uscite di pista. Guzman, Petrov (1° tra i Rookie) e Schumacher (Prema Power Team) salgono sul podio assoluto, mentre al quarto e al quinto posto chiudono i compagni del Prema Power Team Juri Vips (2° dei Rookie) e Juan Manuel Correa (3° dei Rookie). Seguono Marcos Siebert (Jenzer Motorsport), Diego Bertonelli (Bhaitech), Giuliano Raucci, Devlin De Francesco (Kfzteile24 Mücke Motorsport) e Simone Cunati (Vincenzo Sospiri Racing), 4° nel Rookie Trophy. La gara è stata movimentata anche da diversi pit stop: tra gli altri, Riccardo Ponzio (Teramo Racing Team), Leonard Hoogenboom (Cram Motorsport), Giacomo Altoè (Bhaitech) e Joao Vieira (Antonelli Motorsport) si sono fermati a montare pneumatici da pioggia. A proposito di Rookie Trophy, dietro Cunati ci sono Giacomo Bianchi, Lorenzo Colombo, Leonard Hoogenboom, Fabienne Wohlwend (1^ nel Woman Trophy e 17^ assoluta), Aldo Festante e Jaden Conwright.

Scatto bruciante

Gara 2 si decide in partenza, almeno per quello che riguarda la vittoria: Mick Schumacher supera il proprio compagno di squadra, l’estone Juri Vips, che ha un avvio lento a causa di un evidente pattinamento delle ruote posteriori e chiuderà in seconda piazza. Sul terzo gradino del podio sale Giuliano Raucci (Diegi Motorsport), mentre al quarto posto arriva Diego Bertonelli (Bhaitech), seguito da Marcos Siebert (Jenzer Motorsport), Raul Guzman e Artem Petrov (DR Formula), Kush Maini (BVM Racing), Sebastian Fernandez (RB Racing); chiude la top ten Juan Manuel Correa. Per quello che riguarda il Rookie Trophy, prima posizione per Juri Vips, davanti ad Artem Petrov, Kush Maini, Sebastian Fernandez e Juan Manuel Correa. Fabienne Wohlwend è prima nel Woman Trophy e 24^ assoluta. Una nota a parte la merita lo spettacolo regalato da Raul Guzman e Kush Maini in lotta per la sesta posizione: ha la meglio il primo, mentre Maini, a causa di un leggero contatto di gara con Guzman, che lo rallenta, deve cedere anche ad Artem Petrov.

Safety Car in pista

Allo spegnersi delle luci rosse di Gara 3, Raul Guzman (DR Formula) rimane fermo in griglia e viene urtato dall’incolpevole Joao Vieira (Antonelli Motorsport), il quale a sua volta coinvolge Marino Sato (Vincenzo Sospiri Racing). Piloti illesi e  gara che vede subito l’ingresso della Safety Car, che rientra in pit lane quando mancano circa 6 minuti (su 18) al termine della corsa. Se Juan Manuel Correa (Prema Power Team), scattato dalla pole in virtù dell’inversione dei primi dieci di Gara 2, va a vincere controllando il ritmo, dietro è grande bagarre. Il più attivo è il compagno di Correa, Mick Schumacher, che supera subito Juri Vips (alla fine 14°, a causa di un errore al giro 6) fino a chiudere al secondo posto. Terzo è invece l’indiano Kush Maini (BVM Racing), secondo nel Rookie Trophy e al primo podio della classifica assoluta. Seguono Sebastian Fernandez (RB Racing, terzo tra i Rookie), Artem Petrov (DR Formula, 4° tra i Rookie), Marcos Siebert (Jenzer Motorsport), Diego Bertonelli (Bhaitech), Giacomo Altoè (Bhaitech, 5° tra i Rookie), Giuliano Raucci (Diegi Motorsport) e Job Van Uitert (Jenzer Motorsport). Fabienne Wohlwend si conferma prima nel Woman Trophy e chiude al 19° posto assoluto. L’Italian F.4 Championship torna a Imola per il sesto appuntamento del 2016, il 23-24-25 settembre.

Tag

Abarth  · Campionato  · Vallelunga  · 

Ti potrebbe interessare