Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 10:48

ACI Racing Weekend: gran traffico a Vallelunga.

Matteo Losa ·

14 gare, oltre 100 vetture in pista. Vallelunga attende l’ottavo Aci Racing Weekend stagionale e si prepara a vivere un fine settimana all'insegna della passione per i motori.

Bagno di folla

Dopo la settimana del Gran Premio d’Italia di Formula 1 e del primo Aci Racing Weekend sul circuito capitolino, che vedeva impegnati i tricolori Turismo e Sport Prototipi, tornano a rombare i motori del Campionato Italiano Gran Turismo e dell’Italian F.4 Championship Powered by Abarth, giunti entrambi al quinto round stagionale. Attesa una grande  partecipazione di pubblico, grazie alla voglia di motori degli appassionati romani che potranno anche approfittare dell’ingresso gratuito a tribune e paddock scaricando il biglietto omaggio su acisportitalia.it.

Titoli in bilico

Nel tricolore Gran Turismo la lotta per i quattro titoli italiani in palio è più che aperta e le 36 vetture in pista a Vallelunga cercheranno di mischiare ancora di più le carte in tavola. In classe Super GT3 comanda l’Audi R8 LMS di Mapelli – Albuquerque, ma la Ferrari 488 GT3 di Venturi – Gai ha solo 5 lunghezze di svantaggio nei confronti dell’equipaggio di Audi Sport Italia. Inseguono le Lamborghini Huracan, la BMW M6, l’Aston Martin Vantage e la Nissan GTR tutte schierate e pronte a darsi battaglia nella classe regina. Ma anche in GT3 non si scherza con la Porsche dei fratelli Pastorelli che mantiene la leadership insidiata dalla Ferrari 458 di Eddie Cheever e Federico Leo. Ma sono ben 6 gli equipaggi racchiusi in 30 punti.

Schumi Jr torna in pista

In Super GT Cup è Matteo Desideri, nella sua gara di casa, a voler conservare la testa della classifica con la Lamborghini Huracan di Antonelli Motorsport, inseguita, a sole sei lunghezze dalla gemella del team Raton Racing, nelle mani di D’Amico e Zaugg. Lotta aperta anche in GT Cup con Lamborghini, Ferrari e Porsche che si contendono il posto di “primo della classe”. Ma se nel tricolore GT la lotta è aperta non è da meno l’Italian F.4 Championship Powered by Abarth dove Marcos Siebert, Mick Schumacher e Raul Guzman -  a solo tre appuntamenti dal termine del campionato -  sono vicinissimi e pronti a darsi battaglia sul tecnico circuito romano. Anche la classifica riservata ai rookie è ancora tutta da definire con il comasco Simone Cunati che, dopo 4 appuntamenti, guarda tutti dall’alto in basso, ma è insidiato dall’indiano Kush Maini e dall’estone Juri Vips. Una griglia di partenza con oltre 30 monoposto targate Tatuus e motorizzate Abarth saranno sicuramente uno degli spettacoli da non perdere sul tracciato capitolino.

Lotte in famiglia

Ma lo spettacolo degli Aci Racing Weekend significa anche monomarca e saranno ben tre i marchi presenti a Vallelunga che schiereranno in pista i propri trofei. Si parte con la Porsche Carrera Cup Italia dove Mattia Drudi, reduce dal podio nella Porsche Mobil 1 Supercup sul tracciato di Monza, cercherà di ripetersi avvicinando il leader di classifica Come Ledogar e Alessio Rovera, tra i più costanti nella serie tricolore. Anche il MINI Challenge torna in pista sul Piero Taruffi per il rush finale. Ivan Tramontozzi è l’uomo da battere, ma Vallelunga, Monza -nel contesto delle celebrazioni per i 100 anni BMW - e quindi il Mugello, saranno tre importanti banchi di prova per il driver laziale. Penultimo round stagionale, invece, per il Trofeo Abarth Selenia che porta a Vallelunga la passione dello Scorpione sulle Abarth 695 EVO. Cosimo Barberini prova l’allungo su Darbom e Campani, ma attenzione agli outsider che, nelle gare del trofeo Abarth, piene di colpi di scena, hanno sempre trovato spazio.

Tag

Abarth  · ACI  · Aci Racing Weekend  · Vallelunga  · 

Ti potrebbe interessare

· di Matteo Losa

16 gare in programmazione tra sabato e domenica sul circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari per il 9° appuntamento iridato. Gran finale in ottobre a Mugello e Monza

· di Marco Perugini

Al pilota romano, nel 1970 pure in F1 al volante di una Ferrari, è dedicato il busto in bronzo ricollocato al centro del paddock dell’autodromo della Capitale