Ultimo aggiornamento  19 marzo 2019 00:44

Tesla, primo incidente mortale in Europa.

Redazione ·

Primo incidente mortale su un'auto robot in Europa. E' accaduto in Olanda, nella piccola cittadina di Baan, 40 chilometri a sud di Amsterdam

Dramma improvviso

Secondo una prima ricostruzione l'auto su cui viaggiava un 53enne olandese, una Tesla Model S, sarebbe uscita di strada, si è schiantata contro un albero e si è incendiata. Nonostante l'intervento dei mezzi di soccorso prontamente accorsi, per l'uomo non c'è stato nulla da fare. Non è ancora chiaro se al momento dell'impatto la Model S fosse in modalità di guida autonoma. 

Subito a fuoco 

L'aspetto più preoccupante di tutta a vicenda, sottolinea anche la Polizia olandese, è che l'auto una volta urtato l'albero ha immediatamente preso fuoco. I vigili del fuoco intervenuti hanno dovuto attendere prima di operare poiché temevano che i danni subiti dall'auto potessero aver coinvolto anche le batterie e che quindi non ci fossero le condizioni di sicurezza per estrarre il corpo delle vittima dalle lamiere. 

Tesla coopera

In un commento immediatamente rilasciato, la Casa di Palo Alto ha già dichiarato di aver mandato sul posto del personale tecnico qualificato per lavorare al fianco degli inquirenti. "Siamo molto addolorati - si legge nella nota - dell'incidente che ha causato una vittima. Condivideremo con le autorità locali ogni possibile indizio che possa aiutare a spiegare quello che è successo". 

Ancora incidenti 

E' il primo incidente mortale in Europa per un'auto Tesla. Negli Usa c'era già stata una vittima, il 7 di maggio a Williston, Florida, mentre nel vecchio continente il mese scorso un'auto robot ha preso fuoco spontaneamente in Francia durante un'esibizione, senza causare fortunatamente vittime.

Tag

Auto robot  · Model S  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Flavio Pompetti

Le elettriche di Elon Musk sono pronte a viaggiare da sole. La Model 3 sarà automatizzata di serie, per le altre basteranno 8 mila dollari

· di Redazione

Verificare che le nuove tecnologie siano "error free", prima di avviare la sperimentazione su strada. La guida autonoma deve essere un vantaggio e non un rischio