Ultimo aggiornamento  23 ottobre 2018 10:26

La Lombardia sfida lo smog.

Marina Fanara ·

Dopo la revoca dello stop ai veicoli diesel Euro 3, precedentemente stabilito nel pacchetto di misure antismog, la Lombardia spinge sulla mobilità a impatto zero con la firma unanime da parte del Consiglio regionale di una mozione per lo "Sviluppo strategico della mobilità elettrica". Un documento ricco di contenuti, tra cui nuovi incentivi per l'acquisto di auto a batteria e l'installazione capillare sul territorio di colonnine di ricarica. Ora, spetterà alla giunta mettere in pratica il piano, anche in vista degli impegni assunti dall'Italia, e dall'Europa, per abbattere l'inquinamento, alla luce dell'accordo mondiale sul clima di Parigi (Cop21) che scatterà nel 2020.

Più auto "pulite", meno restrizioni al traffico

Sono più di 8 milioni i veicoli in circolazione, responsabili di circa un terzo di tutte le polveri sottili presenti nell'aria della regione e che a loro volta costringono i lombardi a pagare un "prezzo" sociale enorme: un miliardo di euro l'anno. Numeri da incubo per un territorio che, per conformazione geografica e tessuto produttivo, patisce da sempre la piaga dello smog. "Con questo provvedimento", ci spiega Carolina Toia, consigliere regionale della commissione Ambiente e prima firmataria della mozione, "abbiamo voluto dare un'accelerazione alla lotta all'inquinamento che, però, non può ridursi al blocco del traffico quando si superano i limiti di legge sulle emissioni o ai ticket d'ingresso nelle grandi città. E' necessario invece un programma concreto di investimenti legati a piani infrastrutturali seri e lungimiranti per incentivare la realizzazione e l'utilizzo di mezzi di trasporto sostenibili".  

Incentivi, e-car sharing e tante colonnine

La mozione approvata dall'intero Consiglio detta le linee di questo programma d'incentivazione. Innanzitutto, nuove stazioni di ricarica (l'ambizione è arrivare nel prossimo triennio dalle attuali circa 800 colonnine a oltre 20 mila sul territorio) e l'installazione di punti in fast charge sulle arterie principali. Si chiede poi un programma di agevolazioni per l'acquisto di veicoli elettrici (sul modello francese) o di desficalizzazione per chi si converte al "muoversi pulito" e la diffusione del car sharing che in Lombardia dovrà diventare esclusivamente elettrico. "A differenza di altri Paesi europei", sottolinea Carolina Toia, "l'Italia è indietro anni luce in materia di mobilità sostenibile. Dobbiamo recuperare il tempo perduto e la Lombardia deve essere capofila di questo cambiamento, diventare un esempio virtuoso e fungere da traino per il resto della nazione".

Più soldi contro lo smog

Su questo argomento la posizione dei consiglieri lombardi è assolutamente bipartisan. "Ora che, a differenza del passato, abbiamo trovato un accordo unitario all'interno del Consiglio, saremo determinati ad andare avanti", dichiara Jacopo Scardella, consigliere della commissione Infrastrutture e territorio, "Noi siamo pronti a fare la nostra parte, mettendoci risorse e dando il buon esempio. Ma, da soli, con tutta la buona volontà, possiamo fare solo piccole cose come, per esempio, usare veicoli a impatto zero per le nostre flotte pubbliche. Non basta". Cosa serve per il salto di qualità? "Dobbiamo attivare un piano complessivo di sistema a livello nazionale", scandisce a chiare lettere il consigliere, "Ma per questo servono risorse dello Stato e della Regione. Ed è quello che chiediamo. La palla passa alla giunta e ai palazzi di Roma. Aspettiamo risposte nel prossimo provvedimento di Bilancio della Lombardia e nella Legge di stabilità del governo". 

Tag

Auto Elettrica  · Incentivi  · Lombardia  · Mobilità  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

La Regione li darà d'ora in poi soltanto per l'acquisto di vetture benzina, ibride ed elettriche in cambio della rottamazione di vecchie auto a gasolio

· di Francesca Nadin

Scatterà il 1° ottobre, anziché il 15, il blocco dei veicoli più inquinanti previsto in caso di emergenza che ora sarà dopo quattro giorni di Pm10 oltre i limiti

· di Marina Fanara

Regione e comuni lombardi siglano un protocollo per abbattere le polveri sottili: in caso di emergenza, scattano ulteriori restrizioni ai veicoli inquinanti

· di Patrizia Licata

La Commissione presenta un pacchetto di misure di qui al 2030 per combattere il cambiamento climatico. Le proposte per una mobilità sostenibile