Ultimo aggiornamento  19 novembre 2019 21:18

Palermo: la città intelligente corre sui binari.

Marina Fanara ·

La rivoluzione continua sulle strade della metropoli palermitana, dove è in atto un processo di modernizzazione per una mobilità intelligente, sicura e sostenibile che va fatto "a tutti i costi, senza sosta e senza fatica", sostiene Emilio Arcuri, vicesindaco con delega ai Lavori pubblici del capoluogo siciliano. La novità si chiama Ruis per la riqualificazione urbana, infrastrutture e sicurezza che interesserà essenzialmente l'area periferica a nord della città (nei quartieri San Filippo Neri-Zen, Marinella, Sferracavallo e Partanna) con un investimento stimato in 118 milioni di euro, cofinanziati per l'83% (circa 86 milioni di euro).

Periferie di qualità: i lavori in corso

Tra i vari interventi (decoro urbano, manutenzione, riqualificazione energetica, sicurezza, riuso di aree pubbliche e strutture edilizie esistenti), il piano prevede anche un nuovo sistema di illuminazione sulle strade più efficiente ed economico, l'implementazione dei mezzi pubblici ecologici, nuovi pannelli di infomobilità e la progettazione di due nuove linee tranviarie (la E e la G) per collegare la periferia nord al cuore della città e ai servizi su rotaia esistenti.

Cura del ferro per guarire la città

Ed è proprio questa la scommessa per la capitale siciliana: il potenziamento dei trasporti pubblici su ferro con il completamento del passante e dell'anello ferroviario, opere che Palazzo delle Aquile, sede del Comune, considera il vero grande "investimento" non solo economico ma anche sociale e culturale per l'intera comunità. "Siamo tra le metropoli italiane più attive nel car sharing", spiega il vicesindaco Arcuri, "e stiamo realizzando nuove piste ciclabili per incrementare l'uso della bicicletta. Ma le opere fondamentali per far diventare Palermo una moderna metropoli intelligente è il completamento dei nuovi binari".

Il passante ferroviario

Parliamo, innanzitutto, del passante ferroviario: un nuovo asse tranviario di ultima generazione che dalla zona a valle del capoluogo si collega all'aeroporto di Punta Raisi ed effettua tre fermate "strategiche" nel cuore della città (Brancaccio, Stazione Centrale e Stazione Notarbartolo). In contemporanea, si sta procedendo alla conclusione dei lavori per l'anello ferroviario: una linea sotterranea delle Ferrovie dello Stato intorno alla città e collegata alla rete regionale dei treni (come la Palermo-Messina).

"Non è una chimera"

"Con queste nuove opere", sottolinea il vicesindaco, "avremo realizzato tutto il piano di mobilità sostenibile tra la periferia dell'area metropolitana, il semi centro e l'area più centrale. Con queste alternative veloci ed efficienti, non ci saranno più alibi per non chi non vuole rinunciare a usare sempre l'auto. Siamo stati inflessibili su questo argomento: vogliamo dimostrare che si può cambiare mentalità e diventare come le più moderne metropoli del mondo dove usare le quattro ruote sulle strade urbane è un'assurdità. I palermitani stanno già iniziando a comprendere che una città senza traffico non è una chimera". 

Tag

Mobilità  · Palermo  · Trasporto Pubblico  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

"Il primo in Europa": il sindaco annuncia che dal 15 gennaio entrerà in funzione il servizio con quattro Golf dotate di comandi speciali. Cinque i parcheggi dedicati

· di Marina Fanara

Una applicazione permette di acquistare i ticket giornalieri e fornisce tutte le informazioni utili sulla nuova zona a traffico limitato della città

· di Marina Fanara

Nel capoluogo siciliano è pugno di ferro contro la guida sotto effetto di stupefacenti: gli uomini della Polizia locale potranno usare i nuovi precursori per i controlli su strada

· di Marina Fanara

Il capoluogo siciliano è il primo in Italia a poter offrire un servizio di auto condivisa anche per le persone disabili. Una attenzione al sociale da replicare anche in altre città

· di Marina Fanara

Si volta pagina: più car sharing, più trasporto pubblico, nuova Ztl in centro, rete ciclabile più grande e bike sharing