Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 21:42

Denza, elettrica cino-tedesca da 400 km.

Yang Quian ·

Shanghai - Per chi vive in Europa il nome non dice nulla ma da queste parti il brand Denza inizia ad essere conosciuto. Se non altro perché alle spalle ci sono la cinese Byd e la tedesca Daimler. Il marchio presentato nel 2012 ha un obiettivo, come molti altri in Cina, diffondere l'auto elettrica e cavalcare gli incentivi che il Governo locale ha stanziato per i veicoli a batterie.

Per questo nelle scorse ore Denza ha lanciato la sua 400, seconda generazione di una berlina compatta lanciata nel 2014. Un nome una garanzia visto che l'auto avrebbe una autonomia a zero emissioni allo scarico di 400 km. Una distanza ampiamente sufficiente a soddisfare la domanda di mobilità che nelle grandi città cinesi in media non supera gli 80 km/giorno.

La Denza 400 può contare su batterie al litio da 62 chilowattora rispetto ai 47,5 della prima generazione (le dimensioni rimangono però le stesse) e dovrà superare il risultato di 3 mila unità vendute lo scorso anno. L'auto è prodotta nello stabilimento di Shenzhen.

Il prezzo di listino è di 415.800 renminbi, l'equivalente di oltre 55 mila euro che qui a Shanghai grazie agli incentivi governativi e locali, scendono a 330.800 renminbi, pari a 44 mila euro (oltre a poter contare, particolare non irrilevante in questa città, sulla targa gratis).

Tag

Auto Elettrica  · BYD  · Cina  · Daimler  · Denza  · Mercedes  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Tre colossi della tecnologia si alleano per lanciare il guanto all'azienda californiana: obiettivo, produrre auto elettriche e autonome entro il 2020