Ultimo aggiornamento  19 novembre 2019 21:37

La targa è mia e la gestisco io.

Colin Frisell ·

Quando il 29 aprile del 2011 il Duca e la Duchessa di Cambridge, Conti di Strathearn e Baroni di Carrickfergus - cioè William, secondo nella linea di successione al trono di Inghilterra e Catherine Middleton - hanno lasciato Buckingham Palace, teatro del fastoso ricevimento per 1.900 invitati che ha fatto da contorno alle loro nozze, sono saliti su una splendida Aston Martin DB 86 MKII Vantage Volante del 1969 con tanti cuoricini argento e rossi legati dietro e la targa "Ju5t Wed" o oggi sposi, come si direbbe dalle vostre parti. 

A quel punto la mania delle targhe personalizzate - importata dagli Stati Uniti e diventata "legale" nel Regno Unito dal 1990 - è letteralmente esplosa. La DVLA - Driver and Vehicle Licensing Agency - che si occupa di distribuire le targhe ai veicoli britannici ha guadagnato oltre 2.3 miliardi di sterline negli ultimi 25 anni grazie a questa moda. Di questi oltre 100 milioni di sterline sono stati spesi nel solo 2015. E calcola che circa il 20% delle auto circolanti sul suolo governato da Sua Maestà abbiano una targa personalizzata. 

Per poter apporre sulla propria vettura una targa solo nostra dobbiamo sborsare come minimo 250 sterline, (poco meno di 300 euro) tasse comprese, mentre alle aste su internet la base di partenza è mediamente di 130 sterline. Il prezzo massimo? Un ignoto signore ha pagato 400.00 sterline (cioè al per noi  sciagurato cambio attuale 465.000 euro) per avere sulla targa la dicitura "25 O" che, a suo dire, ricordava il logo della Ferrari 250. Normalmente le persone vogliono targhe che ricordino il loro nome, o la loro squadra di calcio preferita (in foto quella che vorrei io...l'ho trovata su eBay e non è detto che finito di scrivere questo articolo non ci investa qualche centinaio di sterline... al cuor non si comanda, no? ) o che riportano giochi di parole e calembour. 

Bandite per legge parolacce, riferimenti apertamente sessuali, offese varie e anche tutti i riferimenti religiosi: per capirci, niente targhe con scritto JE55 US, o AL14LAH O 15LAM. Pure da noi si dice "scherza coi fanti... "

Tag

Regno Unito  · Targa  · 
London calling
il blog di Colin Frisell
Giornalista appassionato di auto e 100% suddito di Sua Maestà

Ti potrebbe interessare

· di Andrea Cauli

Se si possiede un veicolo con targa estera (auto, moto, camion o motociclo), è consentito circolare nel nostro Paese al massimo per un anno, dopodiché è obbligatorio...

· di Colin Frisell

A Londra questa storia delle auto robot la stiamo prendendo molto sul serio. L'ultima novità, in ordine di tempo, riguarda il Codice della Strada, lo Highway Code come lo chiamiamo...