Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2018 08:24

Volkswagen e la lite con i fornitori.

Luca Bevagna ·

In Volkswagen non c’è pace. Il Dieselgate rimane di attualità (soprattutto negli Stati Uniti) e ora si aggiunge la disputa con due fornitori che hanno costretto i tedeschi a fermare la produzione in sei impianti tedeschi. I modelli interessati sono la Golf (stop a Wolfsburg e Zwickau) e la Passat (fermo a Emden): al momento non possono contare su sedili e componenti della trasmissione di due aziende del gruppo Prevent, Es Automobilguss e Car Trim. Secondo quanto riporta Automotive News Europe il fermo coinvolge circa 25 mila dipendenti.

Disputa milionaria

I due fornitori accusano Volkswagen di non voler pagare la penale per la risoluzione anticipata del contratto, dopo che gli stessi avevano avviato nuove linee di produzione proprio per soddisfare la domanda del costruttore tedesco. Rescissione legata alla politica di taglio dei costi voluta dal ceo Matthias Müller. Il valore della penale secondo il quotidiano Süddeutsche Zeitung, sarebbe di 58 milioni di euro mentre il danno causato a Volkswagen potrebbe aggirarsi per Ubs in 100 milioni di euro a settimana. La fine della questione sarebbe però vicina: la stampa locale è sicura di un accordo tra le parti entro le prossime ore.

Tag

Industria  · Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Bevagna

Il gruppo tedesco ha annunciato i risultati del primo semestre 2016: bene in Europa e Cina. Ancora difficoltà negli Stati Uniti e in Sud America per la crisi brasiliana

· di Flavio Pompetti

Nel secondo trimestre, il gruppo tedesco migliora nettamente i conti ma accantona altri 2,2 miliardi per lo scandalo del dieselgate

· di Luca Bevagna

Per superare il dieselgate, 30 modelli elettrici, ricerca e sviluppo su idrogeno, guida autonoma dal 2020. Utili operativi previsti in crescita