Ultimo aggiornamento  12 dicembre 2019 11:38

Auto parla con me.

Redazione ·

Bruce Springsteen, uno che di lunghi viaggi in auto, soprattutto da solo, se ne intende, scriveva in "Open All Night" - tratto dalla sua opera più intimista, "Nebraska" del 1992 - "Devo trovare una stazione di servizio, devo trovare un telefono a pagamento, questa autostrada è spettrale di notte, quando sei tutto solo"... Viaggiare da soli, insomma, può non essere piacevole. Perciò due grandi aziende giapponesi, SoftBank e Honda hanno unito le forze per sviluppare un'intelligenza artificiale in grado di instaurare un dialogo - non tecnico ma basato sulle emozioni - tra l'automobile e il suo conducente. 

Quattro chiacchiere in macchina

Softbank - gigante delle telecomunicazioni e di Internet - ha sviluppato "Pepper", una tecnologia robotica umanoide che è in  grado di riconoscere le emozioni dell'interlocutore e di intavolare con lui un dialogo, tenendo conto delle sensazioni che riceve. L'accordo con Honda - presentato durante l'annuncio dell'acquisto da parte di Softbank di ARM Holding, una società inglese attiva nel design di software - configura un domani in cui l'automobile sarà capace di "parlare" col guidatore, metabolizzandone le sensazioni e facendogli. letteralmente, compagnia. 

Al nostro servizio

"Immaginiamo un futuro in cui i robot dedicheranno la loro super intelligenza al benessere degli umani" - ha detto Masayoshi Son, Ceo di SoftBank - "e pensiamo ad un domani in cui le auto stesse saranno super intelligenti. Honda sarà il primo costruttore a utilizzare questa tecnologia". La connessione emotiva fra auto e guidatore sarà messa in atto tramite una serie di sensori e telecamere. L'auto intelligente darà supporto a chi sta al volante nei momenti più delicati - come la guida in condizioni difficili e le manovre di parcheggio in spazi stretti, ma sarà  in grado anche di "fare compagnia", specie nei viaggi lunghi. 

Una nuova sfida

Honda - terzo produttore di auto in Giappone - è impegnata anche nello sviluppo del proprio progetto di vettura a guida autonoma che  spera di immettere sul mercato nel giro di pochi anni. A questo proposito, recentemente ha annunciato la prossima apertura di un centro di studio e progettazione a Tokyo.

Tag

Bruce Springsteen  · Honda  · Robotica  · SoftBank  · 

Ti potrebbe interessare

· di Flavio Pompetti

L'unione fa la forza, lo sanno bene Ford, Volvo, Uber, Google e Lyft, insieme per chiedere ai legislatori americani una norma unica per la guida autonoma negli Stati Uniti