Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 05:04

Ghostbusters 2016, l'auto acchiappafantasmi.

Paolo Borgognone ·

1984, l'anno del primo computer costruito da Steve Jobs, del duetto Paul McCartney-Michael Jackson in "Say Say Say", del premio Nobel per la Pace all'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu e dell'uscita di un film destinato a fare epoca, "Ghostbusters - Acchiappafantasmi", diretto da Ivan Reitman, la storia di uno sgangherato gruppo di eroi per caso alle prese con i fantasmi che popolano gli angoli meno illuminati di New York.

Auto nuova

Nel 2016 Hollywood concede il bis non con un sequel ma con un "reboot" come lo chiamano gli americani, cioè un rifacimento da capo a piedi con una storia profondamente diversa. Cambiano i protagonisti - in questo "Ghostbusters 2016" il cast è tutto al femminile - cambiano i mostri da affrontare e cambia anche l'auto che i cacciatori di fantasmi utilizzano per muoversi nella Grande Mela. La "Ecto - 1" - nel 1984 era una ambulanza della Cadillac del 1959 - diventa in questo nuovo film una Cadillac Fleetwood.

Scelta lugubre

Per la precisione il modello utilizzato dalle ragazze del film è del 1985 - più o meno quando il primo film era nelle sale - ed è un carro funebre, ovviamente "attrezzato" con tutto quello che serve ad una banda di cacciatori di fantasmi del 21esimo secolo. La Fleetwood venne costruita tra il 1985 e il 1992 sulla base del nuovo pianale "C" della General Motors, condiviso anche da altre auto dell'epoca, come la De Ville, la Buick Electra e l'Oldsmobile 98. La Fleetwood - assemblata nello stabilimento di Arlington in Texas - sostituì proprio la Oldsmobile come modello utilizzato per la versione carro funebre fino al 1993. 

Targa vera 

Immutata rispetto alla pellicola originaria è la targa, Ecto-1. Negli States, dove si possono scegliere le targhe personalizzate - qualche appassionato è andato alla motorizzazione a fare un a ricerca e ha scoperto che esiste veramente un'auto targata "Ecto-1". E' una Acura TSX del 2005, di proprietà di un signore di Long Island evidentemente grande appassionato del film. Anche il numero di telaio - volete saperlo? 2G1WH62K669110023 - pare sia falso e ricorda quelli che vengono attribuite alle Chevrolet Impala e alle Monte Carlo. 

Esiste anche Ecto-2

Il film - che in Italia è in uscita il 28 luglio - si avvale anche di un più veloce mezzo di locomozione, una motocicletta targata ovviamente "Ecto-2". Si tratta di una dual sport giapponese che uno dei pochi protagonisti al maschile di questa storia, l'attore australiano Chris Hemsworth ( quello che interpreta Thor, se siete appassionati delle trasposizioni cinematografiche dei fumetti Marvel ) cavalca in una delle scene più divertenti dell'intera pellicola

Tag

Carro funebre  · Cinema  · Hollywood  · Stati Uniti  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

A Dearborn il costruttore pensa di cambiare quartier generale e trasferirsi nell'abbandonata Michigan Central Station. Per alcuni abitata da "spiriti"

· di Flavio Pompetti

Il marchio di lusso della GM apre un punto di ristoro alla moda a Manhattan. Per reinventarsi da brand premium e sfidare i tedeschi