Ultimo aggiornamento  14 luglio 2020 16:11

Scatola nera, benvenuta al Sud.

Redazione ·

L'approvazione del Disegno di legge sulla Concorrenza che da mesi si trascina nelle aule parlamentari e che tra i vari capitoli comprende anche una serie di misure per abbattere le truffe assicurative, responsabili a loro volta, di una sgradevole disparità di prezzo della Rc auto tra Sud e Nord d'Italia sembra ancora lontana. 

Nel frattempo proprio nel Meridione, dove è più alto il numero di frodi ai danni delle compagnie, e di conseguenza dove la polizza è più cara, si diffonde la scatola nera a bordo delle auto, un espediente per pagare meno l'assicurazione e un deterrente contro i furbetti del sinistro "taroccato".

Il Meridione la crescita

Secondo l'IVASS (l'Istituto di vigilanza sulle assicurazioni) nel primo trimestre di quest'anno la diffusione della scatola nera sta crescendo progressivamente lungo tutta la penisola e oggi si attesta al 15,6% contro il 13% dello stesso periodo del 2015 e il 12,2% del 2014. La percentuale maggiore si concentra nelle aree del Mezzogiorno, con 5 province a guidare la classifica dove in Italia il dispositivo è più gettonato dagli automobilisti: Caserta (46%), Napoli (43%), Catania (32%), Reggio Calabria (31,1%) e Salerno (30,7%).

Tag

Assicurazione  · Scatola Nera  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Con 5 milioni di polizze Rc auto legate alla black box, siamo leader nel mondo. Il dispositivo consente alle compagnie di offrire servizi aggiuntivi ai clienti