Ultimo aggiornamento  06 dicembre 2019 13:38

Decalogo per vacanze intelligenti in auto.

Andrea Cauli ·

Con l'estate, per milioni di italiani è arrivato o sta per arrivare il momento di andare in ferie. E gran parte di loro, come d’abitudine, raggiungerà o tornerà dai luoghi di villeggiatura in auto. Viaggiare oggi, anche per diverse ore, grazie agli elevati livelli di sicurezza e comfort offerti dalle vetture moderne, è più rilassante e meno stancante di un tempo. Ma a volte basta poco, anche un piccolo imprevisto, a trasformare l’agognata vacanza in un incubo. Varrà sempre la pena, dunque, adottare le precauzioni e i comportamenti necessari per non andare incontro a brutte sorprese e, nel caso, sapere come affrontare gli eventuali problemi. Nel decalogo che segue trovate i nostri consigli e suggerimenti. Misure che possono sembrare anche ovvie, ma sarà sempre bene adottare. Anche perché la prudenza non è mai troppa.  

Come evitare brutte sorprese

  1. Prima della partenza, informarsi sulle condizioni meteo attese lungo il tragitto, le previsioni dei flussi di traffico e la presenza di eventuali cantieri stradali.
  2. Assicurarsi delle condizioni della propria auto: controllare i livelli di acqua e olio, l’usura del battistrada e la pressione degli pneumatici, l’efficienza dei freni e la funzionalità delle luci e dei tergicristalli.
  3. Riposare il giusto prima di mettersi alla guida ed evitare di farlo se non si è in perfette condizioni fisiche. Non esitare a fermarsi in una piazzola di sosta, non appena ci si rende conto che l’attenzione alla guida sta calando: bastano pochi minuti per recuperare la concentrazione.
  4. Non mangiare troppo, né prima di partire né durante le soste: meglio fare piccoli e frequenti spuntini.
  5. Non bere alcolici prima di mettersi al volante e non assumere farmaci che possano causare sonnolenza o diminuire i riflessi.
  6. Posizionare gli oggetti e i bagagli all’interno della vettura in modo che siano ben fermati. Non lasciare nulla sul sedile accanto al posto di guida quando si viaggia da soli: un oggetto che dovesse scivolare durante una frenata repentina può distrarre il guidatore e allungare anche di molto gli spazi di arresto (da 10 o 20 metri a seconda della velocità).
  7. Allacciare sempre le cinture di sicurezza, sia sui sedili anteriori sia posteriori, e assicurare i bambini sugli appositi seggiolini.
  8. Rispettare i limiti di velocità, adattare l’andatura alle condizioni di marcia (meteo, traffico, fondo stradale e assetto della vettura) e mantenere sempre la distanza di sicurezza dal veicolo che precede regolandola in base alla velocità (più si va forte e più bisogna tenersi lontani).
  9. Se possibile evitare di parlare al telefono mentre si guida: è provato che, anche utilizzando il viva voce o l’auricolare, i riflessi rallentano e le frenate si allungano (da un minimo di 15 fino ai 50 metri).
  10. Evitare se possibile di occupare la corsia d’emergenza. Qualora fosse necessario, spegnere il motore, scendere dall’auto dal lato più protetto indossando il giubbino riflettente ed eventualmente posizionare il triangolo.

Mai senza una bottiglia d'acqua

Un consiglio in più: è buona norma avere sempre a bordo almeno una bottiglia d’acqua e tutto l’occorrente per le esigenze dei bambini, soprattutto nel caso in cui la permanenza a bordo si prolunghi a causa del traffico intenso o di eventi imprevisti.

L'aiuto arriva con l'App

Se vi trovate in difficoltà e non riuscite a risolvere il problema, potete essere localizzati e ricevere assistenza dagli addetti del soccorso stradale ACI, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno utilizzando l’App ACI Mobile Club (da scaricare preventivamente) o chiamando il numero 803116

Tag

803116  · ACI  · App  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Sabato 5 agosto sarà l'unico giorno di "traffico eccezionale". Nel piano esodo 2017 del ministero dell'Interno, consigli e informazioni per viaggiare in sicurezza

· di Andrea Cauli

Alcuni consigli su come affrontare un malessere che colpisce migliaia di persone, senza distinzione di età e di sesso, e che rischia di far diventare la vacanza un incubo