Ultimo aggiornamento  22 marzo 2019 21:31

Aston Martin, se l'ispettore è il ceo.

Luca Bevagna ·

Non sarà mai un’auto qualsiasi. Soprattutto se sul cofano può sfoggiare quel marchio tanto caro a 007. E’ l’ultima Aston Martin.

Forse quella più importante dalla quale dipende il futuro (o meno) della Casa inglese che ha come azionista principale il fondo Investindustrial della famiglia Bonomi.Si chiama DB11 e ha un ispettore di produzione particolare, il ceo Andy Palmer, numero uno di Aston dall’autunno del 2014.

E’ lui, secondo un tweet postato nelle scorse ore, a controllare e ispezionare fino a notte fonda, le prime mille DB11 che usciranno da Gaydon. E il suo nome comparirà con tanto di firma sulla placca installata sul 5.2 V12 della sportiva inglese. Perché il successo di un modello dipende dall’impegno di tutti. Capo compreso.

Tag

Aston Martin  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Aston Martin inaugura la seconda fase di riqualificazione dell'area Mod St Athan: l'impianto realizzato nell'ex base militare della Royal Air Force porterà mille posti di lavoro

· di Colin Frisell

E' la durata del video con il quale il marchio inglese festeggia la prossima apertura della nuova fabbrica in Galles. Protagoniste le auto più belle. E non solo

· di Enrico Artifoni

Il marchio inglese, controllato da un gruppo kuwaitiano e dal gruppo Bonomi, promette il rinnovo totale della gamma e utili nel 2018. Con l'aiuto di Daimler

· di Paolo Odinzov

La Casa inglese riporta in vita uno dei suoi modelli più apprezzati: sarà prodotta in 25 esemplari e chi la acquista potrà portarla in pista in tutto il mondo

· di Giuseppe Cesaro

Rivoluzione per il marchio preferito da James Bond: sulla nuova Aston il sistema Isofix per i seggiolini per i bambini. Per l'agente segreto arriva la missione più difficile?