Ultimo aggiornamento  18 settembre 2020 19:07

Austria, riparte la caccia alle Mercedes.

Gian Carlo Minardi ·

Torniamo a parlare di Formula 1 attuale, dopo il tuffo nel passato con l’Historic Minardi Day di Imola. Colgo l’occasione per ringraziare nuovamente tutti per la partecipazione numerosa sia nel paddock che sulle tribune. E’ stato veramente emozionante constatare quanto sia ancora viva la passione per il Minardi Team e la sua storia. 

Ring da leggenda

Arriviamo in Austria, su un circuito storico che ha saputo adeguarsi ai nuovi standard richiesti dalla F1 di oggi, crescendo in maniera esponenziale e riavvicinando fortemente il pubblico pronto ad invadere i prati con tende passando il fine settimana mangiando e bevendo in compagnia. E tifando con passione, ovviamente. Coi suoi 4326 metri il Red Bull Racing è un tracciato corto ma impegnativo, soprattutto per la prima curva, molto insidiosa. Storicamente è movimentato anche dalle condizioni atmosferiche e le giornate di sabato e domenica potrebbero non uscire indenni da acquazzoni.

Frecce d'argento davanti

Mercedes ancora da battere, con una Ferrari alla ricerca della sua identità, una Red Bull che spesso non capitalizza il suo potenziale e una Williams che va a corrente alternata. Il nuovo asfalto potrebbe rappresentare un’incognita in più sul fronte dei pneumatici. La Pirelli porterà Soft, Super Soft e Ultra Soft. Analizzando le scelte dei team si notato già delle differenze. In casa Mercedes Hamilton e Rosberg hanno optato per 8 mescole Ultra Soft, contro le 9 di casa Ferrari. Strategia diversa per Ricciardo e Verstappen che avranno a disposizione solamente 7 set di ”viola”.

Mercato in fermento

Restando alle cose di casa Red Bull mi ha stupito la conferma dei due piloti per le prossime due stagione. Una scelta che sbarra la strada agli alfieri di casa Toro Rosso, modificando la linea seguita fino ad oggi. Un segnale di allontanamento nei confronti della scuderia satellite? L'argomento è scottante: viste le difficoltà di alcuni team, Sauber e Force India in primis, Ecclestone vorrebbe rivedere la spartizione dei diritti televisivi. Ancora una volta tanti temi. Non resta che metterci comodi a guardare cosa accadrà.

Tag

Ecclestone  · Ferrari  · Formula 1  · Mercedes  · Red Bull  · 
Il punto
il blog di Gian Carlo Minardi
Fondatore del team omonimo di F1