Ultimo aggiornamento  19 luglio 2019 10:13

Citroën Docteur, unica al mondo.

Redazione ·

Ha cento anni ed è un pezzo più unico che raro. Parliamo di una delle primissime Citroën Docteur. O meglio, del solo esemplare rimasto al mondo dei tre prototipi realizzati nei primi anni del secolo scorso, prima della produzione in serie. Nata nel 1916, due anni dopo l'auto fu acquistata da un facoltoso barone di Teramo, Venanzio Castellj, che poi per cause di forza maggiore (la Grande Guerra) fu costretto a lasciarla chiusa nel garage di casa. Ora questa rarità è stata "riscoperta" e sarà esposta in queste ore ai Giardini Garino Gambacorta (Tigli) a Teramo, in occasione della corsa storica di auto organizzata dalla Scuderia del Castello e dall'Automobile Club d'Italia, in collaborazione con altri enti tra cui il Club automoto storiche Teramo.

L'unica sopravvissuta di una lunga avventura

La centenaria Docteur, ciilindrata 1.470, motore monoblocco a 4 cilindri, potenza di 10 cavalli, poteva raggiungere al massimo i 75 km l’ora. Che fine hanno fatto altri due esemplari? Stando ad alcune ricerche, finirono in Francia dove risulta che una fu utilizzata durante la guerra per operazioni di logistica militare mentre l'altra, in mano a un medico francese, rimase distrutta in un incidente stradale. 

La scoperta nel garage di casa

Anche l'unico esemplare rimasto al mondo ha vissuto molte peripezie. La storia dice che da Pisa, il barone Castellj la portò fino alla sua casa in Abruzzo e la "nascose" nel garage della sua villetta di Giulianova Paese. Dopodiché una bomba resse inagibile la casa e l'auto rimase "sepolta" per oltre 60 anni lì dove era stata custodita. Fino agli anni '80, quando la figlia del barone Margherita Castellj decise di "riesumarla" e la affidò alle pazienti mani di Filippo Valerii, esperto in auto d'epoca, per essere sottoposta a un accurato restauro. 

Tag

Auto Storica  · Citroën  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Acquistata per caso a Pesaro da un ex senatore per 30 mila euro, la spider torna a far rivivere le atmosfere del film di Federico Fellini

· di Andrea Cauli

Torino in festa da oggi a domenica per celebrare una "vecchia signora" del mondo delle automobili: si inizia con 200 auto in parata al Lingotto