Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 07:53

Meno chilometri e parco auto che invecchia.

Giuseppe Cesaro ·

Un parco circolante sostanzialmente stabile, nel quale cresce l’età media delle auto, mentre diminuisce la spesa per i carburanti e aumenta quella per manutenzione e riparazioni. È questo, in estrema sintesi, il profilo della mobilità nel Belpaese, così come lo tratteggia l’Annuario Statistico 2016 dell’Automobile Club d’Italia, da oggi consultabile online su www.aci.it

Circolante: stabile

Nel 2015 le auto sono cresciute di circa 270.000 unità (+0,7%), portando il parco circolante a 37.351.233 veicoli (+0,9%). Le immatricolazioni di auto nuove (1.594.259) sono aumentate del 15,8%, a fronte di una crescita del 5,5% delle radiazioni (1.350.000). 

Spesa: in flessione

Nel 2015, però, gli italiani, però, hanno speso meno per la loro auto: 148 miliardi (6mila euro l’anno, in media, a famiglia), con una diminuzione a prezzi costanti, rispetto al 2014, del 4,3%. La voce di spesa principale (50 miliardi circa, pari al 34% del totale) rimane quella per acquisto e ammortamento del capitali, che diminuisce del 2% circa in termini reali.

Particolarmente significativo il calo (-16%) della spesa relativa ai carburanti, che si ferma a 35 miliardi (poco più di 1.400 euro a famiglia), e rappresenta il 24% di quanto, complessivamente, spendiamo per l’auto. Un calo che dimostra che percorriamo meno chilometri: la crisi, evidentemente, non ha ancora smesso di mordere. Meno chilometri, dunque, su auto che tendono a invecchiare, come dimostra il fatto che crescono, seppure leggermente (+1%), le spese per manutenzione e riparazioni, che si attestano sui 24 miliardi di euro (quasi mille euro a famiglia): il 16% del costo totale dell’auto. 

Età media: in crescita

Le quattro ruote che circolano sulle nostre strade non si possono certo dire giovanissime: una su due, infatti (51,7%), ha più di 10 anni, mentre le “euro 0” non catalizzate sono ancora quasi 4milioni (il 10,5% del totale) e le “euro 1” quasi 1,3mln: il 3,5%. Tra “euro 0” e “euro 1”, al 31 dicembre 2015, risultavano ancora iscritte al PRA ben 5.217.000 auto: il 14% di quelle in circolazione.

Nel 2015 l’età media del parco auto italiano - che cresce rispetto all’anno precedente - risulta di 13 anni e 3 mesi per le auto a benzina, 8 anni e 9 mesi per quelle a gasolio, 6 anni e 8 mesi per le benzina/GPL, 6 anni e 7 mesi per le benzina/metano. 

Tasso di motorizzazione: elevatissimo

Con 614 auto ogni 1000 abitanti, l’Italia è tra i Paesi più motorizzati al mondo, meglio di noi solo il Lussemburgo. Tra le Regioni, al primo posto nel rapporto autovetture/popolazione troviamo l’Umbria: 689 auto ogni 1.000 abitanti; all’ultimo la Liguria (523); Catania è la prima città (676), Venezia l’ultima (416). Non si ferma la “perdita di circolante” nelle grandi città. Nei 12 comuni con oltre 250.000 abitanti, infatti, si registra una diminuzione sia del parco veicoli, che delle autovetture, che, se nel 2000 rappresentavano il 17,2% del totale italiano, oggi si fermano al 14%.

Tag

ACI  · Mobilità  · 

Ti potrebbe interessare