Ultimo aggiornamento  16 dicembre 2018 09:03

e-Go: l'app che dà la carica a tutti.

Marina Fanara ·

Basta un click per scaricare e-Go, la nuova app di Enel Energia: serve per facilitare la vita a chi guida un'auto elettrica e teme di rimanere con la batteria a terra o di non trovare una colonnina del proprio fornitore di energia. Con questa applicazione, invece, non serve essere un cliente di Enel, non è necessario possedere una specifica card e neanche essere titolare di un conto corrente bancario. e-Go permette a chiunque, italiano o straniero, in qualunque parte d'Italia, di fare il pieno in una delle circa 900 colonnine pubbliche installate da Enel lungo tutto il territorio nazionale.

Il pieno dallo smartphone

e-Go è incluso nell'app di Enel ed è disponibile su smartphone per iOs e Android. Una volta scaricata l'applicazione, basta registrarsi e dare gli estremi della propria carta di credito per accedere al servizio e fare rifornimento, pagamento compreso, direttamente dal proprio cellulare o tablet. Grazie al servizio di geolocalizzazione, è facilissimo individuare la stazione di rifornimento pubblica più vicina.

Quanto costa una ricarica? Fino a 30 giugno prossimo è gratis, per promuovere questa fase di lancio del nuovo sistema. Dopodiché, almeno fino alla fine di quest'anno, si pagherà in base al tempo di ricarica (2,5 centesimi al minuto, 1 euro mezzo l'ora) e non più in base ai kWh prelevati.

Niente bollette, ma tutto in un clic

Sempre tramite smartphone si può avviare, interrompere o terminare il rifornimento. E ricevere una notifica tramite e-mail con i dettagli sulla quantità di ricarica e sulla relativa spesa che viene addebitata sulla carta di credito. Sull'app si possono anche controllare i rifornimenti effettuati in precedenza. 

Tra un anno sarà interoperabile

"Siamo convinti che le nuove tecnologie consentano a tutti di accedere alla mobilità elettrica", ci ha spiegato Nicola Lanzetta, responsabile Mercato Italia di Enel. "E per questo stiamo preparando un piano globale per individuare tutte le caratteristiche di una infrastruttura ottimale al servizio dell'auto a batteria e l'impegno necessario per realizzarlo".

Nel frattempo l'azienda è già in grado di offrire un pacchetto per l'istallazione delle colonnine pubbliche e private e la fornitura di energia ai suoi 30 milioni di clienti, comprese aziende ed enti pubblici. "Per quanto riguarda l'app", sottolinea Lanzetta, "stiamo formalizzando accordi con gli altri gestori in modo che, tra un anno al massimo, l'app sarà completamente interoperabile e consentirà a chiunque di ricaricare la batteria in ognuna delle circa mille colonnine presenti sul territorio nazionale". 

Tag

Auto Elettrica  · Colonnine elettriche  · Enel  · Smartphone  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Si chiama evway l'applicazione che ti aiuta a riempire il tempo di attesa nelle ore necessarie per fare un "pieno" all'auto elettrica

· di Marco Perugini

Il gruppo italiano annuncia la partnership con il campionato delle monoposto elettriche. Energia rinnovabile e mini reti mobili per gare a impatto zero

· di Luca Bevagna

L'accordo Vehicle-to-Grid tra Nissan e Enel consentirà a 100 veicoli elettrici di vendere l'energia contenuta nelle loro batterie alla rete elettrica del Regno Unito

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Il Governo ha annunciato l'arrivo della banda larga in tutta Italia entro il 2020. Ottimo. Ora lo stesso impegno sull'infrastruttura di ricarica elettrica