Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2018 07:52

Daimler accelera sulle tecnologie “green”.

Redazione ·

Daimler, il colosso di Stoccarda, di cui Mercedes è la prima stella, ha annunciato investimenti massicci su quelle che chiama tecnologie “green”, cioè sistemi di propulsione a minore impatto ambientale come l’ibrido plug in, o a zero emissioni come i veicoli a batteria e a idrogeno. Nei prossimi due anni, la cifra annunciata è più di 7 miliardi di euro.

La Mercedes GLC F-Cell

Entrando nei dettagli, il marchio Mercedes lancerà la prima auto a celle a combustibile, la GLC F-Cell, sviluppando parallelamente una nuova architettura di veicoli dedicata alle auto elettriche. Questi propulsori “green” si affiancano all’ultima generazione di motori diesel più efficienti (dai quali il costruttore, come i suoi concorrenti, ricavano ancora la maggior parte dei profitti) e, dal 2017, a una nuova linea di motori a benzina, sviluppati sempre nell’ottica di una migliore efficienza.

E la 500 S

Per l’ibrido plug in, Mercedes porterà nelle concessionarie entro l’anno sesto e settimo nuovo modello, mentre nel 2017 è prevista la S 500 con una innovativa batteria capace di far percorrere all’auto più di 50 chilometri con una sola carica, a fianco naturalmente del motore a benzina.

Weber: nessuno meglio di noi

“Investiremo complessivamente 14.5 miliardi di euro in ricerca e sviluppo nei prossimi due anni, e più della metà saranno spesi per le tecnologie ‘verdi’, di cui 5,4 soltanto per le auto”, ha spiegato Thomas Weber, membro del board of Management of Daimler AG, Group Research and Mercedes-Benz Cars Development. "Nessun altro costruttore offre un ventaglio comparabile di veicoli elettrificati e di soluzioni nel campo della mobilità elettrica. Una necessità”. Dei nostri tempi, aggiungiamo noi. 

Tag

Auto Elettrica  · Ibrida  · Mercedes  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Sperimentazione a Stoccarda: Bosch e Daimler lanciano un progetto pilota che localizza e segnala agli automobilisti gli spazi di parcheggio liberi

· di Francesco Paternò

E’ l’obiettivo per le nuove auto annunciato dal vice ministro dell’economia Rainer Baake. Ecco cosa comporterebbe