Ultimo aggiornamento  19 luglio 2019 15:02

Uber mette i pedali.

Redazione ·

Piove da pazzi? Siete molto stanchi o avete bevuto troppo per tornare a casa in bici sani e salvi? Oppure state facendo un giro turistico e non siete abituati a fare lunghi percorsi sui pedali o vi si è semplicemente bucata una ruota? Se vi trovate ad Amsterdam potete chiamare Uber in vostro soccorso: la super contestata (soprattutto dai tassisti di mezzo mondo) ma innovativa azienda americana di noleggio auto con conducente tramite app, ha inaugurato per la prima volta in Europa UberBike, il servizio di “taxi” con bicicletta al seguito.

Ogni corsa costa 4 euro in più

E non a caso per il debutto, ha scelto proprio la città più ciclistica del Vecchio Continente: nella metropoli olandese si contano oltre 800 mila bici, quasi più delle auto e il 63% degli abitanti la usa sistematicamente tutti i giorni per andare al lavoro, a fare la spesa o per portare e prendere i bambini da scuola.

Il servizio è già operativo oltreoceano, a Seattle e a San Paolo del Brasile e il funzionamento è lo stesso: una volta installata l’app di Uber, si può scegliere tra le varie opzioni anche la prenotazione di un’auto con il portabicicletta. L’extra che si paga per il trasporto della bici è fisso: 4 euro a tratta.

Tag

Bici  · Ciclisti  · Taxi  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

L'azienda americana è stata condannata da Parigi a pagare una sanzione di 800.000 euro per l'utilizzo illegale dell'app di noleggio auto con conducente sprovvisto di licenza

· di Alessandro Marchetti Tricamo

I passaggi di cittadini trasformati in tassisti per offrire passaggi a persone che viaggiano nello stesso tragitto sono ormai milionari. E l'industria automobilistica si adegua

· di Luca Bevagna

A Pittsburgh, in Pennsylvania, la app comincia a usare l'intelligenza artificiale per il servizio ai passeggeri. Più sicurezza in strada e non solo

· di Redazione

A Boston arriva un servizio di taxi gestito con una app da smartphone dedicato esclusivamente alle donne e con autisti solo di sesso femminile. Obiettivo, maggiore sicurezza

· di Paolo Borgognone

La app californiana che in poco anni ha fatto muovere il mondo. In Italia è presente a Roma, Milano, Firenze, Genova