Ultimo aggiornamento  21 maggio 2019 12:48

Se anche l'auto robot suona il clacson.

Paolo Borgognone ·

La prossima volta che sarete incastrati in un gigantesco ingorgo e sentirete un nuovo clacson aggiungersi all'assordante coro che normalmente fa da accompagnamento sonoro a queste situazioni, guardatevi bene intorno: a suonarlo potrebbe essere non un automobilista nervoso ma un robot.

La novità viene da Google: i tecnici che lavorano alle auto a guida autonoma hanno insegnato ai loro mezzi a riconoscere il pericolo e, se questo è utile alla sicurezza di tutti, a suonare il clacson per avvertire gli altri dell'incombente rischio. Come le auto degli ultimi due secoli.

Calma e pazienza

Il report mensile dell'azienda californiana sullo sviluppo dell'auto robot spiega - non senza una certa dose di ironia - che l'auto autonoma imparerà a distinguere il pericolo reale dai cosiddetti "falsi positivi" e a reagire: "...come un guidatore paziente ed esperto". Se un'altra auto invaderà la corsia di quella guidata dal robot o se un automobilista si impegnerà all'improvviso in una conversione a U, l'auto senza conducente reagirà segnalando la situazione.

Un suono per ogni pericolo

I tecnici sono arrivati a questo risultato viaggiando insieme all'auto robot e facendo suonare un allarme all'interno della macchina in caso di rischio di impatto. A quel punto hanno preso nota di ogni volta in cui le auto si sono comportate come un "guidatore paziente" e hanno affinato il software per perfezionare questo comportamento. 

Dopo alcune prove le auto robot sono state dotate di un clacson esterno e addirittura si è arrivati a dotare il mezzo di un suono diverso a seconda delle situazioni che deve affrontare. Quindi se un'auto sta lentamente avvicinandosi in retromarcia, l'auto autonoma la avverte con un delicato colpo di clacson, ma se il pericolo è grande e vicino, la reazione è molto più "rumorosa".

 

 

Tag

Clacson  · Google car  · Guida Autonoma  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

C'è anche una studiosa dei comportamenti umani nel team di ricerca per il veicolo autonomo della Nissan che sta lavorando alla terza fase del progetto

· di Redazione

Il Massachusets Institute of Technology lancia l'allarme: in caso di pericolo l'auto robot potrebbe scegliere di sacrificare il passeggero per salvare altre vite

· di Paolo Borgognone

Il sobborgo del nord di Londra già noto per essere, tra l'altro, sede della scuderia della Red Bull, sta per trasformarsi in una città a guida autonoma

· di Paolo Borgognone

Grazie ad un brevetto, una persona investita da un'auto di Mountain View si ritroverà "incollata" al cofano, riducendo i danni